SCOPRI IL NUOVO SITO del

PARTITO DEMOCRATICO di

SAN GIOVANNI VALDARNO

www.pdsgv.it

 


 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

PARTECIPAZIONE ALLA

MANIFESTAZIONE NAZIONALE PD

DEL 11 DICEMBRE 2010 A ROMA

(CON L'ITALIA CHE VUOLE CAMBIARE)

 

 

 

 

 

***************************************************************************

***************************************************************************

 

*************************************************

 

 

 

*************************************************

 

ALCUNI INTERESSANTI SONDAGGI FONTE "DEMOS":

 

*************************************************

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Cara amica, caro amico

il lavoro e la sua tutela sono la priorità del Pd. Su questo non molliamo come ha detto stamattina Pier Luigi Bersani in Sardegna dove ha incontrato i lavoratori di Cagliari, di Iglesias e delle fabbriche del Medio Campidano. Alle 21 e 30 ci sarà anche un servizio su YouDem TV.

Purtroppo nel centrodestra hanno un concetto di lavoro diverso... e si va avanti con appalti truccati, interessi e mazzette. Come se non bastasse l’interim di Berlusconi alle attività produttive mina nuovamente l’equilibrio tra potere e interessi del nostro Paese.

Ieir è stata approvata in Senato la riforma del Codice della strada: il PD ha ottenuto l'abolizione della norma che prevedeva di non togliere i punti sulla patente agli autisti delle auto blu ed altre modifche, per cui sul voto finale si è astenuto.

Si parla spesso di rinnovamento in politica, sappiamo che non può prescindere dalla formazione di una nuova classe dirigente, in grado di capire le sfide del futuro. Noi ne siamo convinti e così la Segreteria Nazionale ha approvato il programma di formazione, ha deciso di investire nelle nuove generazioni e nelle buone prassi che puoi scoprire navigando il sito inbuonemani.org.

A presto,
la redazione
 
sostieni http://www.partitodemocratico.it/gw/producer/producer.aspx?t=/aree/tesoreria/home.htm http://www.partitodemocratico.it/servizi/ec/contributi.aspx http://www.partitodemocratico.it/gw/producer/dettaglio.aspx?id_doc=55777 http://www.partitodemocratico.it/gw/producer/dettaglio.aspx?id_doc=55778 http://www.partitodemocratico.it/abbonamenti


 
 
 
 

 

 

 
Cara amica, caro amico

oggi il ministro Scajola si è dimesso. E' l’ultimo scandalo di un governo che si sta pericolosamente perdendo in una palude, come ha commentato Bersani: il pantano dell’inerzia in cui vuole trascinare anche tutto il Paese.

Invece noi chiediamo al governo di tornare a parlare di lavoro, crisi e di disoccupazione. Il 1° maggio lo abbiamo detto, e non ci stanchiamo di ripeterlo, quand’è che si affronterà veramente il problema? Per ora il governo piuttosto che creare lavoro lo taglia, come è successo con la cultura, vittima del decreto Bondi. Le orchestre, a partire da quella di Santa Cecilia a Roma, protetsano annullando i concerti in calendario e promuovendo una tre giorni di sciopero in note all'Auditorium. La nostra redazione e YouDem li hanno incontrati. Leggi l’articolo che abbiamo dedicato ai "Portatori sani di Cultura".

Nei giorni scorsi Emergency si è rivelata un testimone scomodo. Matteo Pagani, uno dei tre cooperanti sequestrati in Afghanistan, ne ha parlato a Youdem tv. Se non hai visto la puntata puoi farlo ora in rete.
A presto,
la redazione

PS: in tanti ce lo hanno chiesto, perciò abbiamo pubblicato il video e il testo dell'intervento in cui Bersani ad Anno Zero ha risposto alle critiche di Marco Travaglio. Diffondetelo!
 
sostieni


 
 
  partito democratico Partito Democratico
Sede legale - Piazza Sant'Anastasia 7, 00187 Roma - Tel. 06/ 675471 - Fax. 06/ 67547319
Sede nazionale - Via Sant'Andrea delle Fratte, 16 00187 - Roma CF: 90042750472 - Tel 06/ 695321

*************************************************

 

*************************************************

***********************************************************************

 

*******************************************************************************************************************************

il 28 e 29 marzo vota così:

20/03/2010, Loggiato di Palazzo d'Arnolfo, distribuzione materiale di propaganda elettorale.

 

*************************************

*************************************************

 

************************************************************

************************************************************

 

Foto scattare da David Corsi alla manifestazione del CENTROSINISTRA
del 13/03/2010 in Piazza del Popolo a Roma, contro il D.L. salvaliste.

Iniziativa PD a San Giovanni Valdarno di sabato 13/03/2010

******************************

10/03/2010 Bersani risponde a Berlusconi in diretta su www.Youdem.tv

************************************************************

 

Si organizzano pullman per la manifestazione a Roma del 13 Marzo delle forze del centrosinistra in difesa della democrazia e della legalità.
Per prenotazioni e informazioni chiamate

0575 354821 (PD Arezzo)
347 7860694 (Andrea Modeo)
3497872963 (Guillaume Mariel)

oppure scrivete a
pdarezzo@hotmail.com o sinistraecologialibertarezzo@gmail.com

IL LUOGO E L'ORARIO DELLA PARTENZA SARANNO COMUNICATI QUANTO PRIMA

 

************************************************************

************************************************************

 

************************************************************

 

 


************************************************************

 

Quanti uomini così ci vorrebbero!

 

************************************************************

************************************************************

Sabato 13 febbraio 2010, visita dell'On. Piero Fassino a San Giovanni Valdarno
a pranzo presso il circolo ARCI di Ponte alle Forche.

************************************************************

 

************************************************************

 

 

************************************************************

 

 

************************************************************

 

************************************************************

 

 

 

************************************************************

                                                                              

************************************************************


************************************************************

 

Risultati primarie del 25 ottobre a San Giovanni Valdarno:

Segretario e assemblea nazionale:

Bersani 45,7%

Franceschini 41,5%

Marino 12,8%


 

Segretario regionale:

Manciulli 49,6%

Siliani 14,6%

Fragai 35,8%


 

Assemblea regionale:

Con Bersani 09 per Manciulli 43,6%

Democratici made in Toscana 5,8%

Per Marino 14,7%

Democratici con D. Franceschini 35,9%

 

************************************************************

 

 

 

Pierluigi Bersani
Scheda completa
Mozione
Biografia

Dario Franceschini
Scheda completa
Mozione
Biografia

Ignazio Marino
Scheda completa
Mozione
Biografia

 

 

************************************************************

 

SERATA DI APERTURA FESTA

SPAZIO DIBATTITO CULTURALE CON CLAUDIO ASCOLI di Chille della Baldanza.

 

 

 

************************************************************

 

BALLOTTAGGIO
DEL 21-22 GIUGNO

dati definitivi Ballottaggio per sezione

 

 

*********************************************************************

*********************************************************************

 

 

RISULTATI ELEZIONI
del 6-7 GIUGNO 2009

COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO

*********************************************************************

       Un forte ringraziamento da parte dei consiglieri comunali della lista
 del Partito Democratico, a tutti i CITTADINI sangiovannesi che con il loro
 voto hanno dimostrato larga fiducia nei loro confronti.

 

*********************************************************************

*********************************************************************

*********************************************************************

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

*********************************************************************

 

 

 

 

 

 

*********************************************************************

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ********************************************************************

 

*********************************************************************

 

********************************************************************

 

********************************************************************

Lunedì 27 Aprile ore 17.00.

 INAUGURAZIONE SEDE

del

COMITATO ELETTORALE

“VILIGIARDI SINDACO”

in Piazza della Libertà a San Giovanni Valdarno

sarà presente l’On. Marco Minniti

********************************************************************

 

*********************************************************************

 

*********************************************************************

********************************************

 

****************/********************/********************

 

 

 

***********/***********/***********

 

****************/********************/********************

Obama, "Welcome Mr. President!"

Oltre due milioni di persone a Washington per assistere al giuramento come presidente degli Stati Uniti di Barack Obama, il primo afroamericano a salire alla massima carica del paese.

Un evento storico, in un paese dove fino a 40 anni fa vigeva la segregazione razziale in molti stati e dove la piena integrazione dei neri non è ancora raggiunta.

Obama dopo la vittoria ha lanciato messaggi di speranza e di unità, ma si trova davanti un paese in ansia per la crisi economica e sfide gigantesche sullo scacchiere internazionale.

Obama ha giurato sulla Bibbia di Abramo Lincoln, di fronte al presidente della Corte Suprema
.

 

****************/********************/********************

 

****************/********************/********************

 

 COMUNICATO

        Dopo le dimissioni rassegnate dall’incarico di segretario del PD sangiovannese da Cristiano Marini, per candidarsi alle primarie per Sindaco della Città, in data 08/01/2009 l’ASSEMBLEA del Partito Democratico di San Giovanni Valdarno, ha eletto con larga maggioranza Patrizio Magi nuovo segretario comunale del partito.

        A lui giungano i migliori auguri di buon lavoro, per il nuovo importante incarico ricevuto.

****************/********************/********************

 

 

****************/********************/********************

Bozza di programma che il PD sangiovannese ha preparato in vista del prossimo rinnovo amministrativo.

IL PROGRAMMA

 

****************/********************/********************

 

****************/********************/********************

Famiglie e imprese di fronte alla crisi

Le proposte del PD per affrontare le emergenze e rilanciare il Paese

 Il Pd propone per il 2009 una politica di bilancio anti-ciclica pari ad 1 punto percentuale di Pil (16 miliardi di euro) per sostenere la domanda interna ed affrontare 5 emergenze:

 

  1. l'assenza di indennità di disoccupazione per una larga platea di lavoratori, con contratto a tempo indeterminato, ma occupati in settori o aziende escluse dall'assicurazione, o precari;
  2. la perdita di potere d'acquisto per i redditi da lavoro e da pensione;
  3. il razionamento del credito bancario per le micro, piccole e medie imprese ed il ritardo dei pagamenti ad esse dovuti dalle pubbliche amministrazioni;
  4. il crollo dell'attività produttiva nel Mezzogiorno;
  5. l'impossibilità degli Enti Locali di definire i bilanci preventivi per il 2009.

 

Per affrontare tali emergenze, il Pd propone di:

 

  1. Rafforzare gli ammortizzatori sociali. L’ampliamento degli ammortizzatori sociali va realizzato attraverso l'introduzione di una misura temporanea di sostegno al reddito dei disoccupati sprovvisti di copertura assicurativa, da associare ad attività di formazione e programmi di reinserimento lavorativo (da finanziare con 1,5 miliardo di euro). Inoltre, va esercitata entro il 31 marzo del 2009 la delega prevista nel Protocollo sul welfare per la riforma degli ammortizzatori sociali. Proponiamo, infine, di sospendere il pagamento delle rate del mutuo contratto per l’acquisto dell’abitazione di residenza per i lavoratori che perdono il posto di lavoro;
  2. Ridurre le tasse su lavoro e pensioni attraverso l'innalzamento delle detrazioni sui redditi da lavoro dipendente, autonomo e da pensione per un importo medio di 500 euro e l’introduzione della dote fiscale per i figli, per tutte le tipologie di reddito, per un importo pari a 2500 euro all'anno per figlio, in alternativa al bonus famiglia (8 miliardi di euro);
  3. Sostenere in modo concreto le piccole e medie imprese attraverso un fondo da 3 miliardi di euro per il pagamento dei debiti delle pubbliche amministrazioni verso le imprese fino a 250 dipendenti; utilizzando la Cassa Depositi e Prestiti per anticipare i pagamenti dovuti dalle pubbliche amministrazioni alle micro, piccole e medie imprese e  finanziando i Confidi per ulteriori 500 milioni di euro;
  4. Tornare ad investire nel Mezzogiorno, con il parziale ripristino delle risorse sottratte agli investimenti nel Mezzogiorno (2 miliardi di euro);
  5. Attivare gli investimenti degli enti locali, prevedendo l'allentamento del Patto di Stabilità Interno per interventi emergenziali di carattere sociale e per spese in conto capitale, così da consentire agli Enti Locali di completare le opere pubbliche avviate e bloccate dalla Legge 133/08 (1 miliardo di euro) e dare un impulso alla crescita.

 

Il pacchetto delle misure emergenziali proposte (per un valore di 16 miliardi di euro) deve essere integrato dal ripristino di tutti gli incentivi fiscali automatici (in particolare, per investimenti nel Mezzogiorno, ricerca e spese per la riqualificazione energetico-ambientale) il cui corretto utilizzo va salvaguardato attraverso il miglioramento dei controlli.

 ****************/********************/********************

19 dicembre 2008 PRIMO PIANO - Copertina

Il dovere di non deludere

Si è conclusa la Direzione Nazionale del PD con l'approvazione di un documento (scaricabile in allegato nella colonna a destra) che ha ripreso la relazione del segretario del PD, Walter Veltroni, che stamani ha aperto la riunione, mentre sono stati respinti i documenti presentati da Marco Follini e Luca Sofri.

Pubblichiamo la sintesi della relazione del segretario (qui è disponibile il testo integrale).

La crisi economica, la moderna e inaccettabile diseguaglianza sociale.
Disuguaglianza sociale. Il dramma più grande che l’Italia oggi sta vivendo è contenuto in queste due parole.
Disuguaglianza sociale. E’ questa la grande, moderna questione che si pone, oggi, di fronte a noi.
Colpevole non vedere, non rendersene conto. Imperdonabile non sentire bruciante, sulla nostra pelle, per le nostre coscienze, il dovere di offrire risposte a questa realtà.

La crisi finanziaria, esplosa nei mesi scorsi, è diventata recessione economica e sta colpendo con durezza la vita delle persone, delle famiglie, delle imprese.
Nel terzo trimestre di quest’anno il Pil è sceso dello 0,9 per cento. L’Istat ci dice che il tasso di disoccupazione è arrivato al 6,1 per cento e Confindustria stima che arriverà all’8,4 per cento nel 2009. Settori cruciali del nostro apparato produttivo conoscono riduzioni di ordinativi nell’ordine del 30 per cento rispetto allo scorso anno. La caduta dei consumi e la stretta creditizia tolgono ossigeno alle piccole imprese: tre su cinque stanno avendo difficoltà nell’accesso al credito. Più di 300 mila lavoratori sono già in cassa integrazione: 58 mila in diversi stabilimenti della Fiat, 1.600 nelle sole acciaierie di Piombino, e soffrono anche distretti forti della nostra economia come quello delle ceramiche di Sassuolo e quello dell’occhialeria di Belluno. Sempre Confindustria stima che la crisi distruggerà 600 mila posti di lavoro.

“Io non renderei note queste cose”, ha detto ieri il Presidente del Consiglio.
Ma questi non sono solo numeri: sono storie, sono vite, sono famiglie mortificate e in ginocchio, sono dignità ferite e speranze infrante. E questa realtà il Presidente del Consiglio non può pensare di cancellarla agli occhi degli italiani.
Alcuni di voi avranno letto, su Internet, i racconti dei ragazzi di 5 mila scuole italiane. Descrivono cos’è la crisi, con gli occhi di un adolescente, mentre la vita continua, mentre si avvicinano le Feste di Natale. Una di queste lettere descrive quello che succede in una famiglia normale, semplice, onesta. Lo sguardo di una ragazza che cade sui suoi genitori, seduti al tavolo della cucina. Il padre con la testa fra le mani. La madre con lo sguardo preoccupato che prova a consolarlo. Quelle due parole, “cassa integrazione”, percepite distintamente.

E il racconto che prosegue: “papà non sembra consolarsi, dice di essere un fallito, perché non è riuscito a dare tranquillità e sicurezza alla sua famiglia. Si sente un fallito, perché ha caricato mamma di mille preoccupazioni e, nonostante gli sforzi, con quel misero stipendio di operaio che portava in casa, non si riusciva ad arrivare a fine mese. Si sente un fallito perché non riesce a dare ai suoi figli un futuro sereno: non può portarci al cinema o al ristorante, ma neanche comprarci dei vestiti nuovi o una fetta di carne in più al posto delle solite verdure. Mamma allora si siede accanto a lui, lo guarda negli occhi e gli dice determinata e lucida: è lo Stato che ha fallito, non tu; lo Stato che non riesce a dare benessere ai suoi cittadini e sta producendo sempre più nuovi poveri”.

Il dramma è questo. La crisi sta colpendo un Paese fermo e terribilmente diseguale, un Paese con le infrastrutture in ritardo e senza mobilità sociale, sempre più diviso fra ricchi e poveri, fra chi paga le tasse e chi no, fra pochi che per molto tempo hanno tratto vantaggi dalle speculazioni finanziarie e tanti che anche per effetto dell’avida ingordigia di questi pochi ora non arrivano alla fine del mese.

Gli operai che faticano, che troppo spesso rischiano anche la vita per 1.200 euro al mese e che ora vivono con l’angoscia di arrivare in fabbrica e sapere che si va tutti a casa perché la produzione si ferma.

I pensionati che devono calcolare come impiegare quel che resta della loro pensione dopo aver pagato l’affitto di casa e le bollette e decidere se eliminare qualcosa quando vanno al supermercato oppure entrano in farmacia.

I ragazzi che, quando scadono i sei mesi passati al telefono a quattro o cinque euro l’ora, sanno che nemmeno verranno avvertiti e “licenziati”, perché semplicemente non verrà loro rinnovato il contratto: si calcola possano essere mezzo milione, quelli che alla fine dell’anno saranno in questa condizione.

---------------------------------

Una crisi da affrontare proprio come ragione d’esistenza del PD, per Veltroni. Serve lo spirito repubblicano la forte coesione nazionale il coraggio d’innovazione la capacità di confronto politica e socio-sindacale ma il governo è impegnato in una campagna elettorale permanente e gli italiani se ne sono accorti e non vanno a votare. Ricorda come Chiodi sia stato votato da meno di un quarto degli elettori.
Delinea la crisi come uno spartiacque: non solo del volto d’Italia ma della sua fisionomia civile, della sua qualità democratica. E sottolinea: “Il rischio è ritrovarci in un paese che non conosciamo, senza berlusconismo , un modello culturale economico politico che volge al tramonto perché è stato il modo italiano di adattarsi al modello neoconservatore – mentre -il PD - è nato per abitare il futuro, per essere la vela del vento democratico che porta il mondo fuori dalla crisi. Ma nulla può essere scontato, serve una collettiva assunzione di responsabilità perchè il pd era la sintesi di continuità di culture politiche che hanno fatto la storia del paese e di innovazione”. E oggi la crisi economica dà un’alternativa secca e drammatica: Innovazione o fallimento.

“O il pd salta nel futuro o si lega a un presente che la crisi precipita nel passato”. Una frase suggestiva ma radicata nella cronaca di questa settimana: “E’questo l’utlimatum che ci hanno dato gli abruzzesi, il voto all’IDV è sintomo e non causa del malessere, è un appello accorato dei nostri elettori”. Tocca le indagini che hanno costituito l’apertura dei quotidiani: “Il bollettino quotidiano di indagini sui nostri amministratori racconta al paese un PD segnato da opacità amministrativa e collusioni col malaffare è un immagine ingiusta e deformata i ns. I nostri amministratori sono migliaia, persone per bene, straordinario patrimonio e colpirli è colpire il buongoverno”. L’etica a volte diventa fatica ma “non si può ingrandire qualcosa che non c’è, vale il principio costituzionale della presunzione d’innocenza fino a sentenza definitiva e la magistratura deve andare avanti in autonomia e indipendenza”. Proprio per questo “la questione morale è centrale per noi e il nostro elettorato e quando si affaccia ci dà voglia di reagire, siamo i primo a volere amministratori ligi alle regole è comunque, per noi, non c’è solo il codice penale. Per i disonesti non c’è posto nel Partito Democratico. Non possiamo non vedere come nel nostro partito si siano insinuati stili politici, metodi di gestione della cosa pubblica, modalità di rapporto con la società civile e di relazione con la sfera degli interessi privati, assai diversi da quelli che devono essere nostri.C’è la grande maggioranza degli amministratori di centrosinistra, che hanno sempre ispirato la loro condotta a principi di trasparenza, di competenza, di innovazione e su queste buone pratiche hanno basato la loro popolarità tra i cittadini.
E tuttavia, da diversi anni a questa parte è cresciuta, attorno a tutti i partiti, anche un’area grigia e paludosa, nella quale la trasparenza è diventata opacità, la competenza professionismo politico e carrierismo arrogante, l’innovazione gestione cinica di un potere fine a se stesso”.

Rinnovare la politica. “Un partito ha pochi poteri di intervento punitivo ma tanti di prevenzione, s organizziamo la vita interna tollerando fenomeni di malcostume abbassiamo la nostra soglia etica e creiamo le premesse per violare la legge. Vogliamo agire sul serio anche pagando in termini di consenso non ho paura di perdere voti se significa combattere l’inquinamento che ci avvelena, per i disonesti non c’è posto nel PD. Siamo nati per rinnovare la politica, ridarle dignità e autorevolezza deve essere la soluzione non il problema. Questo abbiamo detto ai cittadini italiani. Ai nostri elettori che hanno affollato i seggi delle primarie il 14 ottobre dell’anno scorso e poi ci hanno consegnato, pur nella inevitabile sconfitta nella competizione sul governo, un partito del 33 per cento dei voti, il più grande partito riformista che l’Italia abbia mai conosciuto. Lo abbiamo detto ai nostri militanti, che hanno riempito il Circo Massimo il 25 ottobre: per la prima volta in così tanti, per la prima volta accomunati dalla stessa bandiera. Così abbiamo detto. E così loro hanno capito.


La crisi economica e il cambiamento.
Le crisi sono fasi di passaggio, dure e dolorose, dalle quali non si esce mai come si era entrati: nelle forme e nei modi di produzione e di sviluppo; nei rapporti di forza, sociali e politici; nei modelli culturali, nella gerarchia dei valori.
Dalla grande crisi del 1929, si uscì, dopo la Seconda Guerra mondiale, con un grande compromesso tra capitalismo e democrazia: una crescita trainata dai consumi di una classe media in espansione, nella quale entrava il mondo del lavoro, anche operaio; una forte compressione delle disuguaglianze, grazie a politiche salariali generose e a forti azioni redistributive pubbliche; la rapida espansione dello Stato sociale.
Trent’anni dopo, negli anni Settanta, la crisi petrolifera e la stagflazione hanno spinto l’Occidente a cambiare rotta: forti investimenti in innovazione tecnologica, che innalzano la produttività tagliando posti di lavoro e ridimensionando il potere contrattuale dei sindacati; la classe media si assottiglia, le disuguaglianze tornano ad allargarsi e l’ascensore sociale si blocca, anche per il ridimensionamento dello Stato sociale.
Viene teorizzata l’autosufficienza del mercato e si afferma lo strapotere della finanza sull’economia reale, con gravi conseguenze anche per la democrazia, costretta a rinunciare a qualunque effettiva sovranità sui flussi di capitale.
L’economia torna a crescere, ma a prezzo di gravi squilibri e forti disuguaglianze: negli Stati Uniti, innanzi tutto, ma anche in una parte dei paesi europei, tra i quali in primo luogo l’Italia, divenuta in questi anni, dopo gli Usa, il paese più diseguale dell’Occidente.
Nel mercato globale entrano in campo nuovi protagonisti. Miliardi di esseri umani, prima esclusi dallo sviluppo, rivendicano peso e ruolo. Nel nuovo secolo, lo sviluppo si mostra tanto impetuoso, quanto insostenibile: sul piano globale, per il divario crescente tra l’indebitamento americano e il surplus asiatico; sul piano ambientale, per le pesanti conseguenze sul clima del trasferimento del modello occidentale ai paesi emergenti; sul piano interno, per l’impoverimento della classe media, in particolare negli Usa, spinta ad indebitarsi per la casa, la sanità, l’istruzione.
Lo squilibrio è stato sostenuto, in questa prima fase del Duemila, la stagione della presidenza di George Bush, dalla “hybris” imperiale americana, dal suo imporsi come unica iperpotenza globale, dalla sua pretesa di dettare da sola, in modo unilaterale, con le armi o con il dollaro, le decisioni riguardanti l’ordine mondiale.
Ma il pantano iracheno prima e la crisi finanziaria poi, hanno spezzato l’illusione neo-conservatrice e hanno aperto la via ad una fase nuova, ad un nuovo paradigma di pensiero, ad una nuova stagione politica.
In questo contesto, la scelta del popolo americano di affidare le proprie sorti a Barack Obama è stata una straordinaria prova di saggezza e di lungimiranza. L’America ha respinto la tentazione della chiusura difensiva e ha deciso di scommettere sul cambiamento: su un nuovo multilateralismo nelle relazioni internazionali; e su un nuovo New Deal, sulla ricostruzione della classe media, su una nuova stagione di uguaglianza sociale.
Obama, e con lui il Partito democratico, ha vinto perché ha puntato tutte le sue carte sul cambiamento, sulla voglia, sul bisogno di innovazione della società americana.
Ora è atteso dalla dura prova dei fatti. Sarà la storia a dirci se il giovane presidente afroamericano, come tutto lascia sperare e presumere, sarà un nuovo Roosevelt, la guida sicura di una fase di cambiamento duraturo e solido. Per intanto, è toccato a lui aprire simbolicamente una fase nuova, una “terza fase” dello sviluppo umano contemporaneo.
Il binomio rappresentato dalla crisi economica e dalla vittoria di Obama costituisce una formidabile occasione storica per i democratici e i progressisti di tutto il mondo e quindi anche per noi italiani.
Nessuno di noi ha mai pensato che la vittoria democratica negli Stati Uniti fosse una nostra vittoria, ma abbiamo colto in quel risultato una straordinaria opportunità e anche una lezione, da apprendere e da meditare.
Grazie alla crisi economica e al suo programma innovativo, Obama è riuscito a cambiare in profondità i rapporti di forza politici nella società americana, riportando i Democratici al primato sia alla Casa Bianca che al Campidoglio, dopo una lunga stagione di predominio repubblicano, solo attenuato con la presidenza Clinton.
Se ciò è stato possibile, è perché la crisi economica ha riportato in primo piano il conflitto sociale, negli anni di egemonia repubblicana messo in secondo piano dall’uso ideologico delle questioni inerenti la razza, i valori tradizionali, la sicurezza interna ed esterna.

La vocazione maggioritaria.

Questa è del resto per noi la “vocazione maggioritaria”. Non la presunzione boriosa dell’autosufficienza, né la ricerca della solitudine, ma la convinzione che i rapporti di forza elettorali, anche nella società italiana, non sono un destino ineluttabile, ma possono essere modificati, anche in profondità, se cambia l’offerta politica, attraverso l’innovazione della proposta che rivolgiamo al Paese.
Non è vero, non è mai stato vero, che la società italiana è “di destra” e pertanto ai riformisti, ai democratici, non resta che compensare, con la manovra politica, con il gioco delle alleanze, la loro insuperabile minorità.
Il Partito democratico è nato sulla base del presupposto contrario. Una profonda innovazione politica e programmatica può cambiare, anche significativamente, l’orientamento elettorale degli italiani.
Noi vogliamo far diventare il PD, alle prossime elezioni politiche, il primo partito italiano. Vogliamo conquistare alla destra una parte dei suoi consensi, costruendo una grande alleanza nella società italiana, un'alleanza con il Paese.
E’ un cammino lungo e faticoso, quello che ci attende. Un cammino che chiede a ciascuno di noi generosità, pazienza, tenacia. E anche una certa dose di disciplina interiore. Ma è l’unico all’altezza delle ragioni storiche che hanno portato alla fondazione del PD. E soprattutto, l’unico adeguato alle necessità dell'Italia.
Lungo il cammino, costruiremo le necessarie alleanze politiche. Mai più alleanze lunghe, eterogenee, costruite “contro” l’avversario e poi incapaci di governare. Questa stagione l’abbiamo chiusa con coraggio noi, l’ha chiusa il PD per sempre e il Paese non ha nessuna intenzione di farsi riportare indietro.
E neppure dobbiamo nutrire nostalgia della stagione dell’alleanza tra partiti “di sinistra” e partiti “di centro”. Non solo è un progetto incompatibile col Partito Democratico, che è un partito di centrosinistra. Soprattutto, è un progetto anacronistico, che considera immutabile uno schema novecentesco che tutt’al più può sopravvivere a se stesso, ma che certo non è in grado di esprimere alcuna potenzialità innovativa.
Non c’è, da parte nostra, alcuna illusione di poter fare tutto da soli. Ma le alleanze nuove che costruiremo saranno alleanze per l’innovazione e il cambiamento, affidabili sul piano della tenuta alla prova di governo. E saranno possibili solo se il Partito Democratico saprà dimostrare capacità espansive, solo se noi non delegheremo a nessuno il compito, che è innanzi tutto nostro, di modificare i rapporti di forza politici nella società italiana, attraverso la messa in campo di una proposta innovativa e credibile.
E' qui il punto di debolezza dell'Italia dei Valori, che alimenta costantemente una polemica nei nostri confronti ma non si cimenta, parlando di lavoro, di scuola o di immigrazione, con le sfide dell'innovazione riformista.
Sento dire che dovremmo rompere con Di Pietro. Posso solo far presente che già per tre volte in questi mesi, abbiamo esplicitato nel modo più chiaro che in Italia ci sono modi diversi di intendere e di fare l’opposizione: subito dopo il voto di aprile, quando Di Pietro ha stracciato gli accordi presi prima delle elezioni sul gruppo unico, quando noi non abbiamo partecipato alla manifestazione di Piazza Navona e infine con una mia dichiarazione che è stata titolo di apertura dei giornali.
Ciò non significa che a livello locale non si possano trovare, come accade e accadrà con l’Udc e la sinistra radicale, delle convergenze su programmi e buona amministrazione.
E comunque vorrei ricordare, per la memoria, che con lo stesso Di Pietro che oggi fa un’opposizione diversa dalla nostra, abbiamo condiviso un’esperienza di governo, e con non poche contraddizioni.
E’ giusto fare, forse, un ragionamento di fase. Silvio Berlusconi è da quindici anni al potere. Otto come capo di governo, sette come capo dell’opposizione. E’ l’uomo politico più “longevo” dell’ultimo trentennio di storia italiana. E’ evidente che il Paese si trova nelle condizioni in cui è, sua è una parte molto grande di responsabilità.
Ed è altrettanto evidente che se l’Italia sta così è anche perché le è mancata una vera e coerente stagione riformista. Il nostro Paese non ha conosciuto stagioni paragonabili a quella che la Gran Bretagna ha avuto con Tony Blair o per il verso opposto da Margaret Thatcher, non ha mai goduto dei benefici di quei cicli lunghi di governo che producono ventate creative e innovatrici, che dinamizzano e modernizzano una comunità nazionale.
Due volte si sono aperte possibilità di questo tipo: con il primo centrosinistra e con il primo governo Prodi, ma entrambe queste esperienze si sono interrotte bruscamente.
Berlusconi ha dimostrato e continua a dimostrare di non essere all’altezza di questa sfida. Noi dobbiamo esserlo. Tutte le nostre energie, intellettuali, morali, politiche, organizzative, devono essere messe al servizio di questo compito storico, allo stesso tempo arduo e affascinante.


Lo spirito del Lingotto, l’innovazione: 5 proposte.

1 – Primo: una politica di bilancio espansiva, subito, adesso. La crisi va affrontata dando una risposta efficace a chi perde il lavoro, alle famiglie che non arrivano alla fine del mese e alle imprese che soffrono. Ed è questo l’unico modo per farlo.
Tutti i governi stanno facendo così. Tutti meno uno: il governo Berlusconi, in Italia. Che si ostina a ripetere che non c’è bisogno di modificare il decreto di luglio. Il Pil cade, la produzione industriale crolla, aumenta la disoccupazione, gli italiani stringono la cinghia e riducono i consumi, ma tutto quel che c’era da decidere è già stato deciso a luglio e ora bisogna lasciare perfettamente inalterati i saldi di finanza pubblica.
Non si può fare diversamente, dicono gli stessi neofiti del rigore che tra il 2001 e il 2006 hanno aumentato di due punti e mezzo di Pil la spesa corrente primaria e che ora hanno appena buttato 3 miliardi e mezzo di euro nell’azzeramento dell’Ici anche per i contribuenti più agiati e altri 3 miliardi nel pasticcio Alitalia.
E invece si può e si deve cambiare, bisogna avere il coraggio di innovare. I problemi dell’Italia sono profondi, non nascono con la crisi. L’Italia non deve solo resistere alla recessione, deve tornare a crescere.
Nessuno meglio di noi sa che la stabilità dei conti pubblici è un valore. Siamo stati noi a risanarli e a portare l’Italia da subito in Europa, quando altri pensavano solo ad alimentare uno sterile euroscetticismo. E’ stato il primo governo Prodi, è stato un ministro del Tesoro come Carlo Azeglio Ciampi.
Ma se è in corso una recessione, l’unico modo per tenere in ordine i conti pubblici in prospettiva è quello di sostenere la crescita, e dunque di aumentare ora la spesa pubblica, avviando contemporaneamente, subito, quegli interventi di riqualificazione della spesa che porteranno domani ad una sua riduzione. Sostenere ora il Pil richiede anche la ripresa delle liberalizzazioni e di azioni coerenti di politica industriale; tenere i conti in ordine impone di tornare a contrastare l’evasione. Solo così potremo davvero non compromettere la stabilità di lungo periodo della finanza pubblica.
Ecco la nostra proposta: per il 2009 si sostengano le famiglie, i lavoratori e le imprese con misure pari a un punto di Pil, pari a 16 miliardi di euro.
Proponiamo di ridurre la pressione fiscale sui redditi da lavoro e sulle pensioni, a partire dai livelli medio-bassi: 7-800 euro l’anno in più per chi ha fino a poco più di mille euro al mese. Una misura non una-tantum, ma permanente, in grado di dare un sollievo duraturo e di contribuire a rilanciare i consumi.
Questo serve, anche alle nostre imprese. Alle quali lo Stato deve garantire un sostegno per accedere a tutto il credito di cui hanno bisogno e l’immediato pagamento per i beni e servizi che devono arrivare dalla Pubblica Amministrazione. Tempi certi: quando si ha a che fare con lo Stato, per le imprese, come per i cittadini, questo deve essere un diritto, non solo un dovere.
Proponiamo poi una riduzione del prelievo Irpef sulla quota di salario da contrattazione di secondo livello, in modo da favorire la crescita della produttività e la sua equa redistribuzione. E proponiamo una riduzione del prelievo Irpef sulle lavoratrici, dipendenti e autonome, con figli. A parità di reddito, di prestazione di lavoro, di settore di attività, il lavoro di una donna con figli deve essere fiscalmente agevolato, e costare meno all'impresa, rispetto a quello di un lavoratore maschio.
Le ragioni sono evidenti: se in famiglia lavora anche la donna, ci sono spese per servizi di cura che altrimenti non ci sarebbero. E se incentiviamo l’occupazione femminile, tutto il sistema ne trae giovamento, perché la più grande risorsa per lo sviluppo e la mobilità sociale è quella, oggi sottoutilizzata, rappresentata delle donne.
C’è un’evidente, fortissima connessione tra queste proposte in tema di trattamento fiscale del reddito delle lavoratrici e quella che abbiamo chiamato la “dote fiscale dei figli”: un robusto aiuto alle famiglie che traduce in italiano, senza disincentivare il lavoro femminile, la soluzione francese del “quoziente familiare”.
Questo deciso riorientamento “al femminile” del sistema fiscale e di welfare può essere finanziato, almeno in parte, attraverso il graduale e flessibile superamento dell’attuale differenza dell’età di accesso alla pensione tra uomini e donne: una questione difficilmente eludibile, dopo la sentenza della Corte europea di giustizia, che l’ha definita come una discriminazione contro le donne.
La nostra proposta – al contrario di quella del Governo, che si limita a prendere atto della sentenza per fare cassa – intende utilizzare tutte le risorse liberate, per rafforzare il sostegno pubblico alle donne stesse, favorendo ogni pratica di conciliazione e concentrando le risorse nella fase della loro vita nella quale ne hanno più bisogno, quella del triplo impegno: della maternità, del lavoro di cura e del lavoro di mercato.
E se c’è da affrontare un grande forzo per sostenere lo sviluppo e il tenore di vita della classe media e del mondo del lavoro, è giusto, ad esempio, chiedere un contributo straordinario di solidarietà a chi, manager e non solo, ha redditi superiori ad un milione di euro.
E’ venuto il tempo di cominciare a redistribuire davvero, da chi ha troppo verso chi ha poco.
2 – Seconda grande innovazione: un nuovo sistema universale di ammortizzatori sociali.
E’ una innovazione che risponde concretamente al dramma di milioni di milioni di persone, donne e giovani su tutti, e che dà il segno di quanto sia profonda la rottura col passato rappresentata dal riformismo del Partito Democratico.
Per i lavoratori che sono tutelati dalla Cassa integrazione, questo è un periodo difficilissimo, pieno di preoccupazioni sul futuro loro e dell’azienda. Per tutti gli altri, è anche peggio. Per loro, la perdita del lavoro è subito perdita di tutto il reddito.
Innovazione, per noi, significa allora superare quell’inaccettabile dualismo nel mercato del lavoro per il quale ci sono lavoratori che hanno tutele e garanzie e altri che ne hanno di meno o non ne hanno affatto.
E’ come se all’Italia mancasse un intero pilastro dello Stato sociale. Se in America manca la sanità pubblica, a noi manca la tutela del reddito in caso di perdita del lavoro. Invece della flexicurity europea, nel nostro Paese, per quasi metà dei lavoratori c’è il massimo di flessibilità, senza alcuna sicurezza.
Innovazione, per noi, significa un sistema capace di sostenere tutti i lavoratori, al di là del contratto, del settore e delle dimensioni dell’impresa nella quale operano, nel momento in cui ne hanno bisogno. Uniche condizioni: l’impegno per la riqualificazione professionale e la disponibilità ad accettare un nuovo lavoro.
Proponiamo un sussidio unico di disoccupazione, che sostituisca gli attuali istituti, che sia della durata massima di due anni, che sia finanziato in via assicurativa e sia strettamente collegato a politiche di formazione, di riqualificazione e reimpiego.
Accanto a questo, proponiamo l’introduzione di un reddito minimo garantito, che contrasti la povertà anche tra chi lavora solo per brevi periodi di tempo o tra chi non ha un lavoro da molto tempo. Un istituto di welfare universale che esiste in quasi tutti i paesi europei e che costituisce il completamento degli istituti di tutela del reddito.
Non si tratta, ovviamente, di togliere qualcosa a chi le tutele le ha. Si tratta di dare a chi non ha. Si tratta di costruire un percorso di inserimento nel mondo del lavoro che sia associato a un sistema di tutele e garanzie.
Noi pensiamo a milioni di giovani, pensiamo alla loro vita, alle loro aspettative, alla loro frustrazione e alle loro speranze. Ieri c’era la mortificazione dei braccianti col cappello in mano, c’era l’alienazione della catena di montaggio. La precarietà senza futuro è il volto assunto oggi dallo sfruttamento. Il nostro riformismo non può chiudere gli occhi di fronte all’eterno susseguirsi di lavori precari che non conducono a nulla, di fronte all’inaccettabile prodursi di “vite di scarto”, condizione comune di milioni di persone.
E’ questo il contesto nel quale si può cominciare a pensare e a discutere apertamente, e certo è chiara a tutti voi la radicalità di questa possibile innovazione, della sperimentazione di un contratto unico, a tempo indeterminato, con tutela crescente nel tempo e con un ben organizzato sistema di premi e penalizzazioni per l’azienda, volto a favorire il consolidamento e la stabilità dei rapporti di lavoro.
Innovazione: di questo ha bisogno, come se fosse aria, il nostro Paese. Innovazione per costruire maggiore giustizia sociale.
3 – Terza innovazione radicale: fare dell’ambiente, della lotta ai mutamenti climatici, delle politiche energetiche, una delle chiavi per uscire dalla crisi.
Forse la prima delle chiavi. Lo ha capito Barack Obama, che ha annunciato, per rilanciare l’economia americana, un piano di 150 miliardi di dollari in risparmio energetico e fonti rinnovabili, per creare 5 milioni di nuovi posti di lavoro.
Una “rivoluzione verde”, una “terza fase” della rivoluzione industriale, che nasca da una nuova etica della responsabilità e che poggi, per quanto riguarda l’Italia, sulle straordinarie carte che il nostro Paese potrebbe giocare.
La “rottamazione” del petrolio, la fine della dipendenza dai combustibili fossili, gli investimenti sulle fonti rinnovabili: questa è la strada.
Il governo Berlusconi dimostra di non saperla e volerla prendere. Non comprende, proprio non comprende, che spendere, in campo ambientale, significa investire sul futuro. Ha distrutto, con un insieme di correttivi devastanti per i cittadini e per le imprese, gli incentivi al risparmio energetico per le abitazioni introdotti dal governo Prodi. Si è nascosto dietro alla comprensibile preoccupazione dei settori produttivi più esposti ai venti della crisi per cercare inutilmente di mascherare il suo ennesimo “euroscetticismo”: questa volta sugli obiettivi del 20-20-20 per le fonti rinnovabili, il taglio di emissioni di CO2 e l’efficienza energetica.
Noi proponiamo che l’Italia imbocchi con decisione la strada dell’innovazione, della ricerca, della diffusione delle fonti rinnovabili. Si devono moltiplicare, e non eliminare, gli incentivi per le famiglie e per molti settori della nostra impresa che vogliono entrare o già si muovono in questo campo. Un campo vasto e fertile, che ha confini larghi. Penso ad esempio agli elettrodomestici, all’illuminotecnica, alla modernizzazione delle tecnologie per l’edilizia. Penso al settore dell’auto, e nel complesso a quanto si può fare per un eco-ricambio del parco circolante a livello di mezzi sia privati che pubblici.
4 – Quarta sfida di innovazione: una radicale e condivisa riforma della scuola, dell’università e della ricerca.
E’ bene che dal governo ci sia stato un netto passo indietro da parte del governo, anche grazie al nostro ruolo e alle migliori ragioni avanzate da un movimento civile che ha coinvolto genitori, ragazzi e insegnanti. I tagli però restano, mentre gli altri paesi europei proprio qui fanno grandi investimenti. E con i tagli restano la nostra preoccupazione e le nostre critiche. Insieme ad una consapevolezza che non ci ha mai abbandonato: scuola, università e ricerca non vanno bene così come sono, ma hanno appunto bisogno di innovazione.
Nella scuola e nell’università è il cambiamento, e non la conservazione, la frontiera dei riformisti.
Selezione e valutazione, questi sono i principi che ispirano le nostre proposte.
Senza selezione e valutazione, senza merito, i migliori finiscono per risultare sempre gli stessi: quelli con famiglie facoltose alle spalle, quelli con i contatti giusti, e magari quelli disposti a qualche compromesso di troppo con la propria coscienza.
C’è un muro di conservazione che va rotto, abbattuto. Proponiamo che l’Italia si doti di un sistema di valutazione, nazionale e standardizzato, dei livelli di apprendimento degli studenti di elementari, medie e superiori. Solo con un grande esame su scala nazionale, gestito da valutatori esterni alle scuole e corretto in modo centralizzato, si potrà poi perseguire efficacemente il duplice obiettivo di premiare i capaci e i meritevoli e di individuare gli studenti, gli insegnanti, le scuole in difficoltà, con lo scopo di aiutarli. Solo così si potrà valutare il contributo netto di ogni scuola e di ogni docente sui risultati degli studenti, tenendo conto della qualità in entrata e delle condizioni socio-economiche delle famiglie. E sulla base di obiettivi chiari e di una reale autonomia, sarà finalmente possibile indirizzare le risorse verso le realtà che lo meritano.
L’autonomia è la condizione per dare fiducia ai giovani. E’ forse venuto il momento di discutere se non si debba investire con più coraggio sulla consapevolezza dei ragazzi di sedici anni, che devono poter partecipare con le loro scelte alla definizione del loro piano di studi. Noi dobbiamo, dentro gli ambiti formativi definiti, permettere che i giovani seguano le loro passioni e i loro interessi, responsabilizzandoli costantemente. Dobbiamo investire su di loro, avere cura e attenzione per il grande tema della condizione sociale e psicologica dei ragazzi italiani. E a questo proposito, è giunto il momento di riconoscere ai ragazzi di sedici anni il diritto di voto alle amministrative. Responsabilizzazione, questa è la chiave, perché oggi si smette di essere bambini e si diventa giovani molto prima di un tempo.
Autonomia e valutazione, anche per l’università: proponiamo una valutazione periodica di università e dipartimenti, attraverso gruppi di esperti, anche internazionali, che giudichino la qualità della ricerca e delle pubblicazioni. Sulla base di queste valutazioni sarà assegnata ai migliori una parte cospicua delle risorse.
Il ministro Gelmini, facendo anche qui un passo indietro, ha annunciato l’obiettivo di portare al 30%, nel medio periodo, la quota di finanziamento delle università pubbliche basata sulla valutazione della ricerca. Bene. Lo si faccia davvero e con rapidità, con criteri davvero rigorosi e in modo indipendente. Di più: lo si faccia privilegiando il migliore 25% dei dipartimenti di ogni settore disciplinare.
E’ un circolo virtuoso, che si deve innescare. Premiare le migliori università porta le università a puntare sui migliori. E così, al di là delle regole che verranno scelte per i concorsi universitari, si potrà sperare di ridurre al minimo i problemi di localismo, clientelismo o nepotismo.
5 – Quinta grande innovazione: mettere finalmente sui giusti binari le politiche per il Mezzogiorno.
Le politiche del governo Berlusconi stanno letteralmente saccheggiando le risorse dedicate al Sud e puntano a riproporre, al posto della buona pratica degli incentivi automatici, l’intermediazione della politica locale e nazionale. Le cifre sono impressionanti: nel 2009, a fronte di 6 miliardi originariamente appostati nel Fondo per le Aree Sottoutilizzate, le effettive disponibilità sono state dimezzate per finanziare spese di parte corrente, che trovano i loro destinatari prevalentemente al centro-nord. E ancora prima era stato cancellato il credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno.
Ci vogliono risorse aggiuntive e ci vuole una coraggiosa battaglia per la legalità. Non si può lasciar solo quel vasto movimento di imprenditori, artigiani, commercianti del Sud che si battono contro il pizzo e le estorsioni delle mafie e hanno bisogno di buona politica come dell’aria da respirare. Della politica che dà certezze e non dispensa favori.
Due, per noi, sono le strade da seguire per battere l’ideologia della dipendenza e promuovere la cultura della legalità e l’etica della responsabilità, senza le quali il Mezzogiorno non potrà mai diventare quella risorsa per il Paese e innanzi tutto per se stesso che oggi non riesce ad essere.
Proponiamo di concentrare i fondi destinati al Mezzogiorno su pochi grandi obiettivi di carattere infrastrutturale e sovraregionale, a cominciare dalla mobilità e dalle grandi reti idriche.
Proponiamo di prevedere una sorta di “vincolo esterno” nazionale, che promuova l’utilizzo ottimale delle risorse pubbliche ordinarie, per una progressiva qualificazione dei servizi pubblici e una progressiva riduzione delle spese di autorganizzazione della pubblica amministrazione.
E’ esattamente per questi motivi che il Mezzogiorno non deve temere l’ondata di responsabilità derivante da un federalismo ben pensato: fondato sui criteri di vera autonomia impositiva, solidarietà collettiva e non bilaterale, riferimento ai costi standard e non ai costi storici. Ed è proprio in nome dell’interesse del Mezzogiorno e non solo delle legittime aspirazioni delle aree forti del Nord, che abbiamo deciso di presentare in Senato un nostro organico disegno di legge sull’attuazione dell’articolo 119 della Costituzione e di aprire, a partire da esso, un confronto serrato con la maggioranza.

Le riforme.
1. Riduzione dei costi della politica e delle imprese pubbliche. Senato come Camera delle Regioni, anche ripartendo dal pacchetto Violante.

2.Legge elettorale.Dal nostro punto di vista, le preferenze non sono la soluzione ideale, anche se è preferibile che siano mantenute laddove, come per le elezioni europee, altre soluzioni sono di fatto precluse. In tema di europee, continuo a pensare che si debba trovare un equilibrio nel senso della difesa delle preferenze e dell’introduzione di una soglia di sbarramento per evitare la frammentazione. La strada maestra, almeno per quanto riguarda l’elezione del Parlamento, è comunque il ritorno al collegio uninominale, nel quadro di un sistema che, come avviene nell’esperienza francese, spinga ad aggregazioni tra forze omogenee e consenta agli elettori di scegliere da chi vogliono essere governati.

3. Giustizia. quello che sta accadendo con le inchieste della magistratura sulla politica, lo ripeto, non fa cambiare la nostra posizione, né in un senso né nell’altro. Il ministro ombra Tenaglia ha presentato al governo un pacchetto di proposte elaborato nel corso di una riuscita conferenza nazionale del PD. Sono proposte ispirate ad una maggiore efficienza della macchina processuale, soprattutto nei confronti dei cittadini e delle imprese. Proposte concrete e innovative. Penso solo al problema della lentezza della giustizia. Abbiamo detto: valutazione sistematica, benchmark, responsabilità. Quanto guadagnerebbe, in civiltà e in crescita economica, il nostro sistema economico e sociale, se tutti ti tribunali d’Italia funzionassero coi tempi del Tribunale di Torino? Se si è riusciti a Torino, perché non si può riuscire altrove? Proposte concrete e innovative. Come quando in campagna elettorale presentammo una proposta sulle intercettazioni telefoniche che prevedeva che i magistrati possano avvalersi delle intercettazioni per tutti i reati ma che nulla di questo possa finire sui giornali, violando fondamentali diritti. E questa proposta, lo voglio ricordare, fu allora sottoscritta anche dall’Italia dei Valori. Insieme al merito delle questioni, abbiamo indicato una metodologia innovativa: le riforme della giustizia non si fanno contro i magistrati, come vorrebbe il governo, o contro gli avvocati. Si fanno ascoltando, si fanno con un confronto di merito, basato non su dei pregiudiziali sì o no, ma su soluzioni concrete. Se si riuniscono le parti sociali per discutere delle pensioni, non si vede perché non debbano essere coinvolti i protagonisti di un settore fondamentale come la giustizia quando è della sua riforma che si deve decidere. Un tavolo che duri sessanta giorni, al termine del quale il governo decida, ma dopo aver lavorato insieme al mondo della giustizia e se lo riterrà anche con l’opposizione. E’ la nostra proposta, che si muove nel solco tracciato dal Presidente Napolitano che noi vogliamo seguire: distinzione tra governo e opposizione nel confronto politico, e ricerca della possibile convergenza sui grandi temi di interesse nazionale.

Un partito affidabile. Un partito affidabile è un’organizzazione abitata e guidata da persone credibili, che ispirano fiducia: per la loro trasparenza e onestà, per la sobrietà del loro stile di vita, per la loro competenza, per il loro impegno appassionato.
La credibilità morale di un partito è un bene inestimabile, che è facilissimo perdere e faticosissimo riconquistare. Dar vita ad un partito nuovo non è facile, non è mai stato facile, tanto meno quando si tratta di unire forze diverse. Ma oggi siamo ad un passaggio critico, che può essere decisivo per il Partito Democratico.
L’urgenza immediata, in questo momento, è quella di recuperare fiducia, la fiducia dei nostri elettori nei riguardi del Partito Democratico.
Cominciamo con l’applicare con ferma intransigenza il nostro Codice etico, che prevede un robusto elenco di incompatibilità, di conflitti d’interesse, di garanzie, che possono anche essere rafforzate, prevedendo ad esempio la non candidabilità di persone che, a giudizio di una magistratura interna, abbiano compiuto atti che pur non essendo penalmente rilevanti, recano pregiudizio alla credibilità morale del partito.
Un’altra buona regola è quella del ricambio dei gruppi dirigenti, che deve essere frequente e continuo. Oggi è una vera e propria urgenza. Se vogliamo consolidare il PD, dobbiamo lavorare in modo impegnato, corale e convinto, per creare le condizioni per un forte avvicendamento con una nuova generazione di dirigenti.

Roberto Saviano farà parte della scuola di formazione del PD.
Ho chiesto a Giorgio Tonini e ad Annamaria Parente di organizzare una scuola di formazione nel Mezzogiorno, per una nuova leva di amministratori, per i giovani, che abbia al centro i temi della legalità. E ho chiesto a Roberto Saviano, che ha accettato, di prendere parte a questo nostro progetto. Sono segni di speranza, che dobbiamo incoraggiare. E dai quali dobbiamo attingere energie.
Il malcostume e la degenerazione politica sono stati alimentati in questi anni più per la debolezza dei partiti che per la loro forza. Un Partito democratico forte, perché radicato, aperto, unito è la via maestra per far prevalere la buona politica.

Obiettivi da raggiungere.
Un partito forte è un organismo vivo, profondamente radicato nel territorio, capace di rappresentarne gli interessi e di viverne i valori. Un partito che sta dove vive la gente: negli ambienti di vita, di studio, di lavoro, come nel mondo virtuale della rete, oggi diventato abitazione principale delle giovani generazioni.
E’ questo l’obiettivo che non siamo ancora riusciti a raggiungere. Lo sento come un limite del mio e del nostro lavoro, da superare insieme. Alle insufficienze dei partiti preesistenti non siamo ancora riusciti a sostituire un modello compiuto e convincente. Deve essere considerata una priorità del nostro impegno comune.
Un partito di circoli, fatti di persone in carne e ossa, che si incontrano per aiutarsi a capire la realtà in cui sono immersi, da quella globale a quella locale, e per lavorare insieme a cambiarla, a migliorarla, a riformarla.
I circoli devono diventare il lievito democratico e civile dei territori: un fermento che fa crescere intorno a sé una moderna cultura della cittadinanza, della responsabilità e della partecipazione civile, dell’impegno per i diritti e per l’uguaglianza sociale. E i segretari di circolo hanno una funzione essenziale, che va riconosciuta e promossa: sono gli animatori della democrazia di base, una risorsa straordinaria di presenza, di promozione del partito, di coltivazione civile della società.
Dobbiamo dedicare più impegno, più risorse, più attenzione alla promozione dei circoli, se vogliamo che il Partito Democratico cresca, si rafforzi, si radichi nel Paese.
Voglio dirlo con forza: è il territorio la frontiera sulla quale si costruirà il nuovo PD. Penso che dal territorio, dai segretari regionali e dai sindaci, possa venire un utile apporto permanente alle decisioni che il gruppo dirigente nazionale dovrà prendere. Si tratta di aprire una fase nuova e darsi strumenti di direzione all’altezza dei problemi che dobbiamo affrontare.
Un partito affidabile è un’organizzazione forte e unita, in grado di prendere decisioni impegnative per tutti coloro che ne fanno parte, a cominciare dai dirigenti; di darsi una linea chiara e di portarla avanti con unità d’intenti, spirito di squadra, solidarietà, quando necessario anche rinunciando a quelle quotidiane differenziazioni che piacciono ai giornali e dispiacciono alla nostra gente.

Statuto e primarie.
Per essere all’altezza della sfida sulla democrazia che è drammaticamente aperta nel nostro Paese, noi abbiamo deciso di costruire un partito nuovo, quale quello delineato in modo netto e coraggioso dal nostro Statuto, che abbiamo appena scritto e che ora dobbiamo attuare e applicare con fermezza e decisione.
Un partito che riconosce e attribuisce alle persone, nella loro responsabilità individuale, una vera cittadinanza democratica, la possibilità di esercitare un potere, di partecipare alla decisione. Un partito che riconosce ai suoi elettori un ruolo importante nelle decisioni da prendere, in modo da ridurre al minimo il rischio della chiusura autoreferenziale.
E ai suoi iscritti il ruolo di ossatura portante di una presenza stabile nella società, una presenza che si possa incontrare quotidianamente sul territorio e negli ambienti di vita e di lavoro, una presenza che sappia farsi, a confronto con la società, proposta aperta, da avanzare alla platea più vasta dei nostri elettori.
Insieme, dobbiamo costruire un’organizzazione aperta, abitabile, nella quale si possa incontrarsi, discutere, confrontarsi, partecipare alle decisioni. Una organizzazione nella quale gli incarichi di responsabilità siano attribuiti in modo competitivo e restino sempre contendibili.
Il PD è oggi l’unico, vero, grande laboratorio sperimentale di democrazia di partito esistente in Italia. Quando si sperimenta si va incontro a limiti ed errori e si scoprono nuovi problemi. Ma è solo così che si impara, si migliora, si progredisce.
In queste settimane, stiamo sperimentando la più vasta e capillare tornata di elezioni primarie per la selezione di candidati sindaci e presidenti di provincia che si sia mai vista nella storia d’Italia. Molte si sono rivelate quello che speravamo: una straordinaria pagina di vita democratica. Altre hanno messo in luce difficoltà e nodi critici, che andranno sciolti per il futuro da una riflessione comune.
Bisognerà riflettere meglio, ad esempio, sul rapporto tra primarie di partito e primarie di coalizione. Sull’opportunità, probabilmente discutibile, di primarie per le candidature in liste con le preferenze. Così come sulle primarie per le cariche di partito. Le primarie sono uno strumento prezioso, una scommessa irrinunciabile. Non devono diventare un’ideologia. Soprattutto, non devono diventare l’occupazione principale, se non esclusiva, del partito. Sarebbe tragico se il PD si riducesse ad un luogo nel quale si discute solo di regole di vita interna.
Il Paese ci chiede di sperimentare democrazia, non di trasformarci in una macchina di produzione di procedure interne. Un partito a vocazione maggioritaria, un partito che voglia cambiare i rapporti di forza nella società, deve essere un partito utile alle persone, non solo a se stesso.
Siamo all’inizio di un percorso che vogliamo diventi costume democratico del Paese. Possiamo perdonarci qualche errore.

Un pdl populista.
Attorno a noi nessuno sbaglia, perché nessuno sperimenta democrazia. E il paradosso è che i media spesso si accaniscono sui nostri limiti, mentre nessuno parla dell’assoluta mancanza di democrazia negli altri partiti.
A noi si rimprovera di fare primarie finte, quando c’è una leadership naturale. O al contrario di mettere in scena primarie-rissa, quando il risultato è aperto. Sarebbe già un piccolo passo avanti, se ci criticassero da un solo angolo visuale. Sarebbe un grande passo avanti, se qualcuno aprisse almeno un occhio sulla totale mancanza di democrazia di partito attorno a noi.
Il nostro principale avversario, il “Popolo della libertà”, come dice il nome stesso, è una formazione politica tipicamente “populista”: l’unica democrazia che conosce è quella dell’applauso al leader. Un applauso ha accolto l’annuncio, a San Babila, dal predellino di un auto, che nasceva il Pdl. Un applauso ha segnato lo scioglimento di Forza Italia: una formazione politica che in quattordici anni di vita non ha mai tenuto un vero Congresso, non ha mai votato i suoi dirigenti.
D’altra parte, qualcuno ha mai visto la Lega, o l’Italia dei Valori, fare un vero Congresso? O designare i suoi candidati con le primarie? Il modello populista è la regola della politica italiana, noi siamo la sola eccezione. Berlusconi ha definito il Pdl un baluardo della democrazia. Ma come può difendere, promuovere la democrazia un partito che non la pratica, non la vive al suo interno?
Non è un caso se un giorno si e un giorno no gli scappa detto qualcosa che poi deve correggere, smussare, smentire, ma che in effetti tradisce il suo vero pensiero: come sarebbe bello se la Repubblica funzionasse come il Pdl, un uomo solo al comando, nelle sue mani tutti i poteri e tutto il potere – politico, economico, mediatico – niente contropoteri, niente parlamenti con le loro lentezze, niente opposizioni con le loro critiche depressive, niente magistrature indipendenti, niente libera stampa e giornalisti scomodi.
E’ proprio la cupa potenza del populismo, di ogni populismo, di maggioranza e di opposizione, a definire la grandezza della sfida che abbiamo posto a noi stessi: scommettere sulla forza della democrazia, sulla chance del riformismo, sulla sua capacità di prevalere, anche in questo nostro Paese.
Già le sento le dichiarazioni indignate di qualche esponente della destra. Tra qualche minuto ci risponderanno che non è vero, che il nostro è il solito antiberlusconismo ideologico. Rispondano, se credono, anche alla sfida che da qui vogliamo lanciare ai nostri avversari.

Finanziamento pubblico soli ai partiti che attuano l’art.49 della Costituzione.
E' tempo che si fissino per legge gli architravi della democrazia di partito, in attuazione dell’articolo 49 della Costituzione: statuti, bilanci, scadenze e modalità dei congressi, codici etici, primarie o altre procedure per la selezione dei candidati. E queste norme diventino condizione almeno per l’accesso al finanziamento pubblico. Noi siamo pronti a fare insieme questa riforma decisiva per la democrazia italiana.
Il partito che siamo e vogliamo essere. E'un partito pluralista, fondato sul confronto delle idee e ricco di fondazioni, associazioni, centri di ricerca. Non dobbiamo, non vogliamo diventare invece un partito a canne d’organo, con catene di comando verticalizzate e correnti cristallizzate.
Non esistono in democrazia grandi partiti che non siano pluralisti, sul piano politico e culturale. Ma il confine tra pluralismo, che è un valore di libertà, e degenerazione correntizia, che è invece una malattia mortale, va presidiato con grande attenzione.
Vorrei che tutti lavorassimo per evitare, contrastare, limitare i rischi insiti nel correntismo: il prolungamento, nel nuovo partito, delle appartenenze e identità del passato, saltando l’esigenza e l’opportunità di mescolare le storie e di dar vita a nuove sintesi culturali e politiche; la riduzione del partito ad una federazione leggera di correnti rigide, strutturate organizzativamente; la riduzione della democrazia interna ad una spartizione correntizia, con la logica conseguenza che la solidarietà verticale con la corrente diventa l’unica via di partecipazione e di affermazione nella vita del partito.

Pieni poteri.
Dopo averne discusso con il Coordinamento e con i segretari regionali, chiedo che in questa fase particolare venga attribuito al Segretario il potere previsto dallo Statuto di intervenire in situazioni nelle quali sia necessario introdurre, anche attraverso commissariamenti, le indispensabili innovazioni.
I prossimi mesi e il prossimo Congresso, che svolgeremo dopo le elezioni, saranno l’occasione per l’affermazione definitiva di una nuova generazione di dirigenti alla guida del partito. Dobbiamo far emergere le forze migliori, più coraggiose e innovative. Forze che abbiano dentro di sé l’identità democratica già compiuta.

Il dovere di non deludere
Dinanzi alla società nuova, più ricca, colta, emancipata, adulta, la società che è comparsa sulla scena nel ’68 e nel ‘69, i partiti storici, da elementi propulsori di sviluppo e di progresso, hanno cominciato a diventare e ad apparire “intercapedini” tra le istituzioni e i cittadini.
Fu Aldo Moro il primo ad accorgersene, proprio nel ’68, quaranta anni fa, dieci prima della sua tragica e barbara uccisione: “Tempi nuovi s’annunciano”, aveva detto in un celebre discorso al suo partito. Tempi nei quali dovremo avere il coraggio di cambiare noi stessi, se vorremo essere ancora all’altezza del nostro compito.
Ma i partiti italiani non furono in grado di cambiare se stessi, prigionieri com’erano di una contraddizione troppo grande, tra le ideologie che li dividevano, ricalcate sullo schema della guerra fredda, e i nuovi termini della questione italiana, che li avrebbe dovuti scomporre e ricomporre, lungo nuove frontiere. I partiti della Prima Repubblica entrarono così in una crisi irreversibile. Alcuni distruggendosi nel dilagare del malaffare, alla disperata ricerca di puntelli di potere, dopo che avevano avvertito come perduta la loro legittimazione storica. Altri estenuandosi in una infinita e sempre troppo lenta transizione.
Dalla crisi dei vecchi partiti, dal 1992 in poi, il centrosinistra non ha mai più davvero tentato la costruzione di soggetti politici veramente nuovi. Da allora, ci siamo affidati prima al riformismo istituzionale, per ridefinire modi e forme della rappresentanza politica.
Poi ci siamo affidati all’azione di governo, nazionale ma anche locale, per interpretare e cambiare gli orientamenti della società. Una sorta di “riformismo dall’alto”, come lo abbiamo definito autocriticamente, fragile perché non supportato da un consenso vasto, preparato negli anni dell’opposizione, spesi invece prevalentemente nella costruzione di larghe alleanze “contro” gli avversari.
Nel frattempo sono nati e hanno dignitosamente vissuto soggetti politici sostanzialmente tradizionali, buoni ad accompagnare il lavoro istituzionale, ma che tutti insieme abbiamo giudicato insufficienti, inadeguati al compito di suscitare una nuova fase di riformismo e di democrazia.
Oggi la sfida è quella di riprendere un percorso innovativo, da decenni interrotto. E non abbiamo molto tempo. Dando vita al Partito Democratico, abbiamo alimentato grandi aspettative, abbiamo suscitato una speranza nuova. Ora, abbiamo il dovere di non deludere.

 

20 dicembre 2008 PRIMO PIANO - Agenda eventi

1° Assemblea nazionale dei Giovani democratici

la 1° assemblea nazionale dei Giovani democratici, composta da 1000 delegati eletti congiuntamente al Segretario nazionale il 21 novembre, si riunirà sabato 20 dicembre alle ore 10.30 al Teatro Capranica di Roma.

 

****************/********************/********************

 

La Costituzione non si tocca    

immagine documento "I principi fondamentali della Costituzione sono fuori discussione e nessuno può pensare di modificarli o alterarli". Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, risponde indirettamente alla volontà formulata da Silvio Berlusconi di cambiare la Costituzione senza il bisogno dell'opposizione. "Per quanto si discuta" su quanto è possibile o opportuno modificare e che cosa no, ribadisce Napolitano al Quirinale dove ha ricevuto i rappresentanti del Fondo ambientale italiano, le fondamenta della Carta non possono comunque essere toccate.

"Anche oggi il Capo dello Stato, con parole sagge e equilibrate, ha rimesso ordine in un dibattito che, non certamente per causa nostra, si era sviluppato attraverso strappi e dichiarazioni fuori luogo". Anna Finocchiaro, Presidente del gruppo Pd a Palazzo Madama, commenta le parole di Napolitano e ricorda agli interlocutori della maggioranza che "I principi fondamentali della nostra Carta costituzionale sono immodificabili e per noi rimangono sempre validi e attuali".

E' bene che la maggioranza lo tenga a mente anche quando paventa la possibilità di andare avanti senza cercare di consultare tutto le forze chiamate a rappresentare il popolo italiano in Parlamento. “La Costituzione è inclusiva - ricorda Gustavo Zagrebelsky, costituzionalista e presidente emerito della Corte costituzionale in un'intervista a Repubblica - Non è scritta da chi vince contro gli sconfitti. La Costituzione non si occupa di chi sia il vincitore. Scrive principi per tutti, garantisce i diritti di tutti”.

L'art. 138 della Costituzione, infatti, prevede che le riforme costituzionali debbano essere approvate con un ampio consenso raccogliendo il voto della maggioranza e di una parte dell'opposizione. Cioè, ricorda ancora Zagrebelsky, tale consenso qualificato, era destinato a fare in modo che “la Costituzione, la sua manutenzione, le sue modifiche” non fossero ad appannaggio della pura maggioranza. “Poi però – ed è questo il problema sottolineato dal costituzionalista - le leggi elettorali hanno cambiato il sistema politico, polarizzandolo su due sponde e ora chi ha il sopravvento nella competizione elettorale e conquista la maggioranza si fa da sé le riforme costituzionali". "Mi appare incredibile - conclude Zagrebelsky - che si vada avanti su una strada così pericolosa e non ci siano voci responsabili che denuncino il pericolo, anche all'interno della maggioranza".
 

12 dicembre 2008 AREA RASSEGNA STAMPA - Rassegna stampa
Gustavo Zagrebelsky: "La Carta non è strumento di potere,
così Berlusconi torna a Cromwell"

fonte  Intervista di Giuseppe D'Avanzo - La Repubblica

A Gustavo Zagrebelsky, costituzionalista e presidente emerito della Corte costituzionale, Repubblica chiede di riflettere ad alta voce sul significato e il valore dell'annuncio di Silvio Berlusconi: il premier vuole riformare, con la sua sola maggioranza, il Consiglio superiore della magistratura; separare in due diversi ordini la magistratura giudicante dalla requirente (i pubblici ministeri); un referendum popolare dovrebbe poi confermare entro tre mesi il disegno.

"Prima di discutere il merito - dice Zagrebelsky - qualcosa va detto sulle riforme mancate, sulle colpe, le responsabilità dei riformatori finora mancati. Mi definisco un conservatore costituzionale. Penso che il lavoro compiuto all'inizio di un ciclo politico sia sempre più apprezzabile, migliore, di un'attività in corso d'opera. E tuttavia non è che non veda come un grave deficit non aver adeguato i meccanismi di garanzia della Costituzione alle trasformazioni del sistema politico. Ne è un esempio proprio l'articolo 138...".

L'art. 138 della Costituzione regola le leggi di revisione della Costituzione.
"Appunto, l'art. 138 prevede che le riforme costituzionali debbano essere approvate con un ampio consenso raccogliendo il voto della maggioranza e di una parte dell'opposizione".

Qual era il significato di questo consenso qualificato?
"Che la Costituzione, la sua manutenzione, le sue modifiche non dovessero essere appannaggio della pura maggioranza. Poi però le leggi elettorali hanno cambiato il sistema politico, polarizzandolo su due sponde e ora chi ha il sopravvento nella competizione elettorale e conquista la maggioranza si fa da sé le riforme costituzionali".

Salvo poi sottoporle a referendum popolare, come ha ricordato Berlusconi.
"Berlusconi ha fatto un discorso piano. Prende atto della disciplina costituzionale, si fa votare la sua riforma con la maggioranza che il sistema elettorale attuale gli ha dato, chiede al referendum l'approvazione definitiva. Anche se ineccepibile, però, questo metodo cambia profondamente l'essenza stessa della Costituzione".

Perché, se quel metodo è previsto dalla stessa Costituzione?
"Perché ci sono due nozioni di Costituzione. La prima considera la Costituzione come strumento di chi governa. Per Cromwell, la Costituzione, è appunto Instrument of Government. Siamo qui alla presenza di Platone, Aristotele, Hobbes, Schmitt. Per venire al presente o al passato prossimo, non c'è in Sud America vincitore di elezioni, capo-popolo o colonnello, che non abbia e annunci un suo progetto costituzionale: è lo strumento di cui intende servirsi per esercitare il potere".

Qual è la seconda nozione?
"E' la nostra. Qui il riferimento è John Locke. La Costituzione è inclusiva. Non è scritta da chi vince contro gli sconfitti. La Costituzione non si occupa di chi sia il vincitore. Scrive principi per tutti, garantisce i diritti di tutti. Noi siamo figli di questo costituzionalismo. La nostra Carta fondamentale è nata con la Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo delle Nazioni Unite del 1948, con la Convenzione europea dei diritti dell'uomo e delle libertà del 1950.
La Costituzione italiana si colloca in questa tradizione. E' nata per essere inclusiva, per valere per tutti. Non è uno strumento di potere ma di garanzia contro gli abusi del potere. Berlusconi invece vuole fare il Cromwell. Può essere ancora più chiaro se ritorniamo al 138. Quell'articolo prevede che anche un accordo politico ampio possa essere bocciato da una minoranza del corpo elettorale. Come si sa, il referendum costituzionale non ha il quorum e, se vanno a votare il 20 per cento degli italiani, l'11 per cento può bocciare la nuova legge.
Il progetto di Berlusconi capovolge questa logica. Non riconosce al referendum un potere distruttivo, ma pretende che sia confermativo della riforma votata soltanto dalla coalizione di governo. Diciamo che la manovra, di tipo demagogico, manomette la Costituzione, annullando lo spirito di convivenza che la sostiene, e la trasforma in strumento di governo, in strumento di potere".

Si può dire che la riforma annunciata non fa che accentuare quella "china costituzionale" di cui lei spesso ha scritto: indifferenza per l'universalità dei diritti, per la separazione dei poteri, per la dialettica parlamentare, per la legalità.
"Sì. Un regime liberale-democratico adotta come principio ciò che dice l'articolo 16 della Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino del 1789: "Ogni società in cui la garanzia dei diritti non è assicurata, né la separazione dei poteri determinata, non ha costituzione". Una Costituzione che diventa strumento di potere contraddice la separazione dei poteri. E' quel che sta accadendo. Abbiamo già un Parlamento impotente dinanzi a un governo che impone le sue scelte con il voto di fiducia. Ora è il turno della magistratura".

Lei condivide la previsione che la separazione del pubblico ministero dal giudice anticipa la sottomissione della magistratura requirente all'esecutivo?
"Ci sono molti aspetti discutibili nella divisione del Consiglio superiore della magistratura in due, ma uno è chiaro fin d'ora. Se un pubblico ministero non è un magistrato a pieno titolo, che cos'è se non un funzionario dell'esecutivo? E evidente allora che, secondo logica, quel funzionario dovrà dipendere da un'autorità di governo, così pregiudicando l'indipendenza della funzione giudiziaria e cancellando la separazione dei poteri. Mi chiedo: che bisogno c'è?".

E' inutile nascondersi che è lo spettacolo offerto dalla magistratura, con il conflitto tra due procure, ad aprire spazi a questi progetti di riforma.
"Lo spettacolo è sgradevole e la situazione in cui versa la magistratura italiana è certamente insoddisfacente. Ma mi chiedo: le proposte che si avanzano eliminano le difficoltà e i difetti o li aggravano?".

Qual è la sua opinione?
"Per quel che ho letto, dalle inchieste di Catanzaro sono emersi collegamenti della magistratura con ambienti politici, finanziari, malavitosi. La soluzione che propone il governo - l'attrazione del pubblico ministero nell'area della politica governativa - rafforza quei legami e non elimina quindi le cause delle disfunzioni, mentre bisognerebbe lavorare per rendere effettiva l'autonomia della magistratura dai poteri economici, amministrativi, politici e, naturalmente, criminali. Il disegno di riforma, codificando una dipendenza, avrà un solo effetto: eliminerà la notizia di quei legami, non la loro esistenza. Continueranno a esserci, ma non si vedranno".

Quali sono le responsabilità della magistratura in questa crisi?
"Il sistema costituzionale assegna alla magistratura il massimo dell'indipendenza e non sempre questa posizione è stata usata con la responsabilità necessaria. Se le cose funzionano, il merito è della magistratura. Se non funzionano, bisogna dirlo, è della magistratura il demerito".

Quali sono le ragioni o le prassi o le convinzioni che inceppano l'autogoverno della magistratura?
"Non c'è dubbio che la formazione di correnti, che all'inizio è stata favorita da un confronto culturale (culturale era il dibattito su come si dovesse interpretare la Costituzione), ha finito per diventare strumento di promozione e di carriera. E' una degenerazione. Se non hai una corrente alla spalle non assurgi a un incarico direttivo. Solo una corrente può proteggerti quando verrai giudicato per i tuoi errori. Mi sembra che l'autonomia non sia stata gestita nel senso per il quale è stata prevista".

Forse anche per questo è largo il consenso per una riforma.
"Ci sono le istituzioni e gli uomini. La migliore Costituzione può essere corrotta da uomini mediocri. Una mediocre Costituzione può funzionare bene con uomini capaci. Credo che la magistratura debba fare un severo esame su se stessa. Se il sistema non funziona, non ne porta anch'essa la responsabilità?".

Lei crede che questa riforma costituzionale alla fine si farà davvero?
"Si può sperare che nella maggioranza ci sia qualcuno che si renda conto della delicatezza delle questioni. Sono in gioco le garanzie, i diritti, i principi e l'eguaglianza del cittadino di fronte alle legge. Perché se la giustizia è controllata dalla politica, la funzione giudiziaria diventa strumento di lotta politica. Mi appare incredibile che si vada avanti su una strada così pericolosa e non ci siano voci responsabili che denuncino il pericolo, anche all'interno della maggioranza".

Se il governo, come dice Berlusconi, tirasse diritto...
"Siamo in una situazione tristissima. Penso che occorra far breccia nelle convinzioni collettive, spiegare all'opinione pubblica che non si buttano via da un giorno all'altro secoli di storia e di valori civili".

 

****************/********************/********************
 

11 dicembre 2008 PRIMO PIANO - Articolo
Troppa pioggia e la Gelmini slitta

Posticipata di un anno la riforma delle scuole superiori

immagine documento
Lo scontro tra buon senso e il ministro Gelmini trova una prima soluzione. La riforma della scuola slitta di un anno. La tanto sbandierata riforma, il fiore all'occhiello del governo Berlusconi si arena tra mille difficoltà e incongruenze.

La conferma della posticipazione della nuova normativa per le scuole superiori arriva direttamente da una nota del ministero di Via Trastevere dopo l'incontro che si è svolto oggi a Palazzo Chigi tra il governo e i sindacati. “Il provvedimento di riforma del sistema dell'istruzione e degli ordinamenti scolastici sarà portato in consiglio dei ministri il 18 dicembre".

La riforma paga lo scotto di aver suscitato pochi favori, non solo tra i diretti interessati, gli studenti e gli insegnanti, ma soprattutto le regioni che hanno mal digerito le soluzioni avanzate dalla Gelmini a tutti i tagli proposti dalla riforma.

Le modifiche del secondo ciclo partiranno dunque dal 1 settembre 2010 per consentire - si apprende ancora dalla nota - "alle scuole e alle famiglie di essere correttamente informate sui rilevanti cambiamenti e sulle innovazioni degli indirizzi".

Non sembrano esserci incertezze circa la riforma della scuola primaria, primo ciclo. Il provvedimento presentato ai sindacati verrà proposto giovedì prossimo in Consiglio dei ministri. Salvo improvvise sorprese, il maestro unico alle elementari partirà già dal settembre 2009.

“La decisione del governo di rinviare al 2010 la riforma delle superiori è ragionevole e dimostra la fondatezza delle nostre critiche. Purtroppo ai nostri rilievi il governo ha risposto con una incomprensibile chiusura, usando spesso toni demagogici. Alla fine, però, si è dovuto arrendere di fronte all’evidenza dei fatti. Noi avevamo ragione, loro si sbagliavano”. Questo è stato il primo commento di Maria Pia Garavaglia, ministro ombra del PD per l'Istruzione.
“L’esecutivo, finalmente, - ha proseguito la Garavaglia - ha dovuto accettare le valutazioni espresse dal PD nelle commissioni. Infatti, anche rinviando le iscrizioni di un mese, le scuole secondarie non sarebbero state nella condizione di presentare l’offerta formativa alle famiglie. La nostra non era una posizione preconcetta ma si faceva interprete dei problemi della gente e della funzione formativa a cui è chiamata la scuola”.

“Il rinvio, tuttavia, - ha concluso il ministro ombra - dimostra che le difficoltà non sono solo organizzative ma che restano legate soprattutto agli aspetti economici. Quella dei tagli è una ferita che il governo deve sanare”. "Se davvero ci sarà il rinvio di un anno della riforma delle superiori di fatto non solo la Gelmini risponde alle richieste logiche dell'opposizione da due mesi a questa parte, ma risponde pure alle richieste di tante famiglie e di tante scuole che chiedono almeno il tempo di riflettere su una reale libertà di scelta". Lo ha dichiarato, in una nota, il senatore del Pd Antonio Rusconi, capogruppo in Commissione Istruzione.

"Avevamo detto che il Ministro era in mezzo al guado. A dir poco a Gelmini è mancata la previsione, e non è poco per un Ministro. Impossibile affrontare le prescrizioni di gennaio, sia pure slittate a febbraio in queste condizioni. Non si governa così, lo avevamo detto in Aula al Ministro Gelmini: prima il colpo mortale del taglio di 8 miliardi di euro, poi a passo di carica decreti a regolamenti che configurano un'altra scuola, più povera smarrita" Lo ha affermato la senatrice del PD Albertina Soliani che ha aggiunto: "di fronte all'opposizione parlamentare, delle piazze, delle Regioni e degli enti locali, Gelmini tira dritto. Al Ministero preparano i regolamenti di corsa. Oggi, nel confronto con i sindacati, il Ministro rinvia i regolamenti della scuola superiore al 2010-2011. Troppo rischioso affrontare le famiglie e le scuole nelle prossime settimane. Su un punto ha dovuto cambiare rotta: sul dimensionamento, il cui regolamento adesso può essere emanato solo perché vi è l'accordo con le regioni. Resta colpita, senza rimedio, la scuola primaria. Perché? Era il miglior segmento del sistema. Letta sul piano storico la performance del ministro Gelmini è clamorosa: parte in quarta e poi si ferma in prima e seconda, mancando l'obiettivo di un cambiamento della scuola superiore come avviene da molti decenni a questa parte". Così ha concluso la Soliani: "La nostra opposizione e i nostri rilievi hanno pagato, il nostro impegno continua. Della scuola superiore c'è tempo per discutere e confrontarsi: vogliamo farlo? Quanto alla scuola primaria, non ci rassegniamo. Vedremo cosa diranno le famiglie a gennaio. Troveremo i modi e gli strumenti per riaprire una prospettiva che è essenziale per le famiglie e per l'intera società italiana. La Gelmini forse pensava di poter cavalcare un'onda più grande di lei, che invece l'ha travolta".
 
 

***************/********************/********************
 

 

        Il Partito Democratico di San Giovanni Valdarno, ha deciso di  andare verso le elezioni primarie, confermando la su determinazione nell’uso di tale procedura, come strumento di democrazia, nella scelta del proprio CANDIDATO a SINDACO della città.

         A tal proposito è stato eletto un Comitato Organizzatore per le Primarie composto di 25 membri, come prevede lo STATUTO del partito, che autonomamente gestirà tutta la parte organizzativa garantendo la massima regolarità e  trasparenza del percorso, fino alla proclamazione finale del candidato Sindaco per il PD.

         Il PD ribadisce la volontà di trovare un accordo programmatico, a partire dalle forze politiche che hanno caratterizzato la GIUNTA TARCHI.

         Le operazioni inizieranno con la raccolta di 100 firme dei cittadini residenti nel Comune di San Giovanni Valdarno, nei tempi e modalità descritti sul manifesto di seguito riportato.

 

 

Manifesto redatto dal Comitato Organizzatore delle Primarie:

 

*****************/********************/********************
 

 

Le bugie di Berlusconi sulla scuola

La verità sui tagli

premessa

Il Governo e il centrodestra continuano a fare disinformazione e confusione sui provvedimenti legislativi inerenti la scuola e l’università che sono stati finora approvati. In tal senso, il Governo ha promosso e favorito la circolazione di informazioni e dati fuorvianti rispetto alla realtà dei fatti. L’obiettivo principale dei provvedimenti, infatti, è quello di occultare i tagli pesantissimi e indiscriminati che si abbatteranno sulla scuola pubblica nel prossimo triennio. Tagli contro cui abbiamo condotto una durissima battaglia di opposizione in Parlamento e che sono contestati in tutto il Paese da uno straordinario movimento di massa composto da genitori, insegnanti, studenti, docenti universitari, dalle organizzazioni sindacali, dalle Regioni e dagli Enti Locali. Fallita, dunque, la campagna mediatica basata esclusivamente sugli spot, da un lato si continuano a raccontare bugie colossali (vedi il dossier di Berlusconi sulle presunte bugie della sinistra) e dall’altra, si tenta di alzare un polverone per non dare conto con chiarezza agli italiani delle gravi scelte fatte. Scelte che minano le fondamenta dell’istruzione pubblica, sia scolastica che universitaria, del nostro Paese.
In primo luogo, appare fondamentale sapere che le norme contestate sono contenute in tre decreti legge.
1. Decreto Legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito nella Legge 6 agosto 2008 n.133 (manovra economica estiva).
Per la scuola sono stati previsti, per il prossimo triennio, tagli per circa 8 miliardi di euro e per circa 132.000 posti di lavoro. Inoltre, è stato previsto un piano programmatico e una serie di regolamenti finalizzati ad attuare i tagli stessi.
Per l’Università sono previsti, a partire dal 2010, tagli per 1 miliardo e 400 milioni di euro, il blocco del turn over (potrà essere assunto solo un giovane docente ogni cinque professori che vanno via dalle Università e se si considerano anche i tagli all’ FFO -il Fondo per il Finanziamento Ordinario delle Università che costituisce la principale fonte di entrata per le Università statali- potrà essere sostituito un solo docente su circa otto) e la trasformazione delle Università in Fondazioni.
Decreto legge 1° settembre 2008, n. 137 (decreto Gelmini) convertito nella Legge 30 ottobre 2008, n. 169
Il decreto, all’articolo 4, prevede l’istituzione del maestro unico e l’orario settimanale a 24 ore nella scuola primaria (o elementare). Negli altri articoli si stabilisce, inoltre, il ritorno al voto in condotta nella scuola media (nella scuola superiore c’è già) e si prevede che tale voto faccia media ai fini dell’esito finale dell’anno scolastico; il ritorno al voto numerico nella scuola elementare e nella scuola media (nella scuola superiore c’è già); l’introduzione della sperimentazione di “Cittadinanza e Costituzione” (la cosiddetta educazione civica) senza però prevedere un monte ore dedicato né risorse per i sussidi didattici. E’emblematica, poi, la vicenda del grembiule di cui tanto la Ministra ha parlato sugli organi di stampa. Infatti, in relazione a questo provvedimento, non è arrivata alcuna comunicazione scritta alle scuole.
2. Decreto Legge del 7 ottobre 2008, n. 154 recante "Disposizioni urgenti per il contenimento della spesa sanitaria e in materia di regolazioni contabili con le autonomie locali".
Nel decreto è stato inserito un articolo che prevede il commissariamento delle Regioni che non approvino il piano di ridimensionamento delle istituzioni scolastiche entro il 30 novembre. Tutte le Regioni (sia quelle governate dal centrosinistra che dal centrodestra) hanno chiesto al Governo di ritirare questa norma e hanno bloccato i lavori della conferenza unificata che, per questo motivo, non ha ancora espresso il parere sul piano programmatico attuativo del decreto 112.


Controdossier


In riferimento al dossier distribuito nel corso della conferenza stampa del 22 ottobre 2008 sulle presunte bugie della sinistra in merito alla scuola, il Partito Democratico ha replicato con un controdossier, intitolato “Tutte le bugie del premier sulla scuola” in cui, punto su punto, vengono smontate le considerazioni espresse dal Presidente del Consiglio Berlusconi e dalla Ministra Gelmini.


Tagli

Berlusconi ha dichiarato che non è vero che siano stati disposti tagli alla scuola. Berlusconi è un bugiardo. Infatti, con la manovra finanziaria approvata questa estate (DL n° 112/08 convertito in Legge n° 133/08) viene previsto per i prossimi tre anni un taglio di circa 8 mld sulle spese per l’istruzione (7, 832 mld) e di circa 132.000 posti negli organici del personale (87.400 insegnanti e 44.500 personale ATA).
Ma non basta! Con la legge finanziaria attualmente in discussione alla Camera, infatti, sono stati predisposti ulteriori tagli. Ad esempio, sono stati tagliati 50 milioni sul Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche e 22,8 milioni sul Fondo per l’Edilizia scolastica.

Tempo pieno

Berlusconi promette l’incremento del tempo pieno. Berlusconi è un bugiardo! Infatti, sia nel Decreto Gelmini che nel Piano Programmatico sparisce la dizione “tempo pieno”.
Infatti, il decreto Gelmini afferma “che le istituzioni scolastiche costituiscono classi affidate ad un unico insegnante e funzionanti con orario di ventiquattro ore settimanali.”
Il decreto prevede, inoltre, che si tenga anche “conto delle esigenze, correlate alla domanda delle famiglie, di una più ampia articolazione del tempo scuola.”
Nel Piano programmatico inviato dal Governo al Parlamento, alla pagina 7, è scritto che “nella scuola primaria va privilegiata l’attivazione di classi affidate ad un unico docente (…)” e che “ resta aperta la possibilità di una più ampia articolazione del tempo scuola, tenuto conto della domanda delle famiglie e della dotazione organica assegnata alla scuole” e ancora che le opzioni possibili sono tra 27 ore, 30 ore e una “estensione delle ore di lezione fino a un massimo di 10 ore settimanali comprensive della mensa”.
E’ evidente che, in tal modo, viene prefigurato una sorta di doposcuola che è cosa ben diversa dal tempo pieno didattico (come, per altro, lo stesso Berlusconi ha dichiarato alla stampa).
Comunque sia, l’eventuale “aumento” è subordinato non solo alla richiesta delle famiglie ma anche alla dotazione dell’organico del personale che verrà attribuito alle scuole.
A tal proposito occorre ricordare i tagli all’organico del personale insegnante per la scuola primaria previsti dal piano. Ad esempio i tagli riferiti al prossimo anno scolastico sono di 10.000 unità a cui si aggiungono i 4.000 posti in meno di insegnanti specialisti della lingua inglese.
Come si potrà conciliare la scelta delle famiglie per il cosiddetto tempo pieno con i tagli agli organici?
E’ del tutto evidente che per attuare i tagli si dovranno imporre a tutte le famiglie le classi con 24 ore settimanali con il maestro unico (quindi, in concreto, niente più scelta fra 24, 27, 30, 40 ore settimanali).
Il governo sostiene che con l’introduzione del maestro unico e l’eliminazione delle compresenze si libereranno più maestri per aumentare il tempo pieno.
In realtà, con la generalizzazione del maestro unico e l’eliminazione delle compresenze, verrà smantellata la scuola dei moduli e in particolare il modello a trenta ore.
Berlusconi promette l’aumento di 5.750 classi con il tempo pieno. Tuttavia, anche in questo caso, Berlusconi non sembra avere chiari i numeri. Infatti, i dati complessivi delle classi (5.750) e degli alunni (82.950) in più che passeranno al tempo pieno nel quinquennio, destano non poche perplessità. Non hanno, infatti, alcun riscontro nella tabella di dettaglio che il Governo ha distribuito con il dossier, e del resto corrisponderebbero a un incremento del tempo pieno del 17%, ben inferiore a quel 50% annunciato ripetutamente dalla Gelmini e da Berlusconi.

Numero degli alunni

Dice Berlusconi che gli alunni saranno in media 18 per classe, al massimo 26. Nell’unica bozza di Regolamento che circola si dicono cose ben diverse: si aumentano i parametri minimi e massimi: 30 per le scuole medie superiori e 29 per le scuole medie inferiori, con un incremento fino al 10%. Questo significa arrivare anche a 33 alunni per classe.

Maestro unico

Sul maestro unico il Presidente del Consiglio dice una colossale bugia affermando che si tratta di un maestro prevalente!
Nel decreto legge, articolo 4 primo comma, è letteralmente scritto “che le istituzioni scolastiche costituiscono classi affidate ad un unico insegnante e funzionanti con orario di 24 ore settimanali”. Non basta certo una battuta detta in una conferenza stampa da Berlusconi per modificare una legge e trasformare “l’insegnante unico” in “maestro prevalente”. Non esiste, infatti, un maestro prevalente come erroneamente sostenuto dal Presidente del Consiglio, come non esistono gli insegnanti di educazione fisica e di informatica. Inoltre, quando l’insegnate di classe non è lo stesso che fa anche l’insegnamento di religione cattolica e di inglese, questi insegnamenti sono affidati sempre entro l’orario delle 24 ore settimanali, a degli specialisti. Come si concilia questo modello per gli specialisti di inglese per cui il piano prevede nel triennio l’estinzione del corrispondente organico?

Lingua inglese

Il maestro unico dovrà insegnare anche l’inglese poiché nel Piano programmatico (a pagina 19) viene previsto il taglio di 11.200 posti (4.000 già dal prossimo anno) di insegnanti specializzati in lingua Inglese. E viene previsto che con un corso di sole 150/200 ore il maestro unico dovrà specializzarsi anche in Inglese.

Razionalizzazione del personale

Qui si tocca il massimo della spudoratezza giocando con le parole e con la condizione di vita delle persone: “falsi gli 87.400 licenziamenti di insegnanti” dice Berlusconi. Sono purtroppo veri i licenziamenti di 87.400 insegnanti che lavorano da anni, ogni anno, con incarichi annuali nella scuola. Essendo “precari” non vengono “licenziati”: vengono soppressi definitivamente i loro posti di lavoro e, dunque, i loro stipendi. A questi 87.400 si aggiunge la mancata assunzione dei 75.000 precari già previsti nel piano del governo Prodi con copertura finanziaria e i 44.500 posti di lavoro tagliati del personale ATA.
Il Presidente del Consiglio e il Ministro non sanno neanche quanti dipendenti hanno! Nella conferenza stampa hanno affermato che nella scuola ci sono 1.350.000 dipendenti “e sono troppi”. Dai dati della Ragioneria Generale dello Stato si ricava che i dipendenti nell’anno 2006 erano 1.143.164, scesi nel 2007 a 1.133.000. (dati consultabili sul sito della Ragioneria)
Non è vero neanche che in Italia il Rapporto docente/alunni è 1 ogni 9. Nella pubblicazione “la scuola in cifre” dello stesso Ministero dell’Istruzione nella tabella 1.3.3 a pag 23 (pubblicata a settembre 2008) il rapporto è 1 ogni 11,1.

Scuole di montagna

Berlusconi dice che “nessuna scuola sarà chiusa”: falso!
Le scuole piccole e con meno di 50 alunni non sono solo quelle di montagna. Il piano programmatico, a pagina 10, prevede il superamento delle scuole con meno di 50 alunni “a cominciare dai territori non ubicati nelle comunità montane o nelle piccole isole”
Nel Piano programmatico, dunque, viene esplicitamente detto che chiuderanno le scuole sotto i 50 alunni. Sono 1083 i Comuni interessati, così ripartiti: 181 con scuole fino a 15 alunni; 184 fino a 20 alunni; 718 fino a 50 alunni.
A queste scuole, inoltre, vanno aggiunte ulteriori 3000 scuole a rischio chiusura perché sotto i 50 alunni: 130 scuole elementari e medie presso gli istituti ospedalieri; 7 annesse a istituti d’arte; 7 annesse a convitto, 4 a Conservatori, 3 per ciechi, 2 per sordomuti. Ci sono inoltre 522 scuole secondarie di secondo grado (346 sono serali e 55 carcerarie).

Spesa per il personale

Il presidente del Consiglio e il ministro continuano a dire che il 97% della spesa pubblica della scuola serve a pagare gli stipendi di chi ci lavora. Questi dati non vengono smentiti solo dal Pd ma anche dall’Ocse nella pubblicazione “Education at a Glance, 2007”. Infatti, i dati della spesa corrente per il personale, raffrontati con quelli di altri Paesi, risultano questi:
Italia 80,7
Francia 80,7
Germania 85,1
Gran Bretagna 69,7
Media Ocse: 80,1
di conseguenza l’Italia risulta allineata alla media Ocse ed ha una spesa per gli stipendi inferiore a quella della Germania.

 

 

*************************************
il pd di san giovanni valdarno era presente SABATO 25 Ottobre 2008 alla Grande manifestazione di roma

 

*****************************************
COMUNICATO:
       I segretari comunali del Partito Democratico dei dieci comuni del VALDARNO, si incontrano martedì 14 Ottobre a Montevarchi, per discute il problema della SANITA’ nella VALLATA.

       Parteciperanno all’incontro anche persone qualificate ed esperti del settore.

*****************************************

 

Coordinamento Comunale di S. Giovanni V.

 

 

 

 

San Giovanni Valdarno, 03 Ottobre 2008

 

Carissimi/e,

 

                   come noto, il giorno SABATO 25 Ottobre si svolgerà a Roma la grande MANIFESTAZIONE NAZIONALESALVA L’ITALIA”, alla quale tutti i cittadini sono invitati a partecipare.

 

                   Da San Giovanni Valdarno partirà un PULMAN alle ore 08,30 da piazza C.A. Dalla Chiesa (fermata pulman davanti alla COOP), con rientro “in serata”.

 

         Si invitano tutti i cittadini interessati a far pervenire (tempestivamente) la propria adesione, rispondendo a questa e-mail indicando il proprio e anche altri nominativi di partecipanti.

 

 

Distinti saluti


Cristiano Marini


Coordinatore Comunale

Partito Democratico di San Giovanni Valdarno

 

sangiovanni@pdvaldarno.it         www.pdvaldarno.it

 

*****************************************

*****************************************

 

Coordinamento Comunale di S. Giovanni V.  

 

 

San Giovanni Valdarno, 03 Ottobre 2008

 

Ai membri di diritto:

-eletti nelle assemblee costituenti nazionale e regionale residenti nel comune di San Giovanni Valdarno

-Al Sindaco e Capogruppo comunale PD.

 

 

-Ai delegati di BASE e TERRITORIALI eletti nelle assemblee dei circoli di San Giovanni Valdarno.

 

 

 

Oggetto:     Convocazione assemblea di coordinamento del PD.

 

 

Carissimi/e,

 

                   il giorno giovedì 9 Ottobre c.m. alle ore 21,00 presso i locali della Casa del Popolo in via Alberti, si terrà l’assemblea in oggetto con il seguente O.d.G.:

 

                    1° -Adempimenti previsti dal regolamento per le primarie (nomina dei tre saggi e comitato organizzatore).

 

                    2° -Relazione del Sindaco sulla LEGISLATURA IN CORSO.

 

                    3° -Organizzazione partecipazione alla manifestazione del 25 Ottobre.

 

 

         Vista l’importanza degli argomenti previsti all’O.d.G., sei vivamente invitato a partecipare portando il tuo contributo.

 

 

Il segretario comunale del PD

         Cristiano Marini

 

 

*****************************************

 

 

Coordinamento Comunale di S. Giovanni V.

 

Grave situazione presso il Campus Universitario del Valdarno 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Constatata la grave situazione che si è venuta a creare presso il Campus del Valdarno, con la paventata cancellazione dei corsi di Laurea lì attivati per motivi chiaramente non riconducibili a problematiche di carattere economico o strutturale, ma a logiche interne al mondo accademico  di difficile comprensione e sostenibilità, il Partito Democratico di San Giovanni Valdarno invita il Sindaco, il Presidente della Provincia, la Regione Toscana ed i Parlamentari del Territorio a porre in essere tutte le iniziative  utili a salvaguardare il patrimonio che è stato costruito in questi anni . Il bilancio del Campus è infatti ampiamente  positivo sotto ogni punto di vista : i corsi  in questi sette anni   hanno  avuto un continuo aumento di iscrizioni, a conferma della qualità didattica e del livello dei servizi che qui vengono assicurati.

 Un successo  analogo si è registrato nell’organizzazione di master e corsi di perfezionamento che hanno conseguito anche ottimi risultati dal punto di vista occupazionale e si è sviluppato  un Centro di Ricerche di altissimo livello che ha peraltro contribuito in modo decisivo al finanziamento delle attività didattiche. Non si comprende , pertanto , il motivo per cui questa realtà così in crescita nelle sue  potenzialità formative e che si caratterizza per la qualità dei servizi offerti agli studenti ( nata da un fecondo rapporto di collaborazione tra il territorio ,l’Università e le varie Istituzioni ) debba chiudere la sua esperienza. Chiediamo , quindi ,  come già fatto dal Comune  di San Giovanni Valdarno , l’immediata apertura di un tavolo di concertazione per affrontare la questione con tutte le parti interessanti : per parte nostra siamo pronti a mobilitare i cittadini e tutte le associazioni in difesa di una realtà così importante e capace di affermarsi in un contesto sociale e politico che vede invece la formazione non essere più un diritto ma  un privilegio per pochi.

 

 

San Giovanni Valdarno 24/09/2008

 

*****************************************

TESSERAMENTO 2008-2009 E PETIZIONE "SALVA L'ITALIA"

         Il Coordinamento Comunale del Partito Democratico, informa i cittadini sangiovannesi interessati, che da sabati 20 Settembre, è partita la campagna di tesseramento per il biennio 2008-2009.

 

         Anche nelle prossime settimane, tutti coloro che vivono nelle zone di competenza dei circoli (-Oltrarno, -P. alle Forche, -Bani e -Centro), potranno iscriversi presso la sede di via Rosai 25/A, nei seguenti orari;

 

- martedì dalle 17,00 alle 19,00.

- venerdì dalle 17,00 alle 19,00.

- sabato  dalle 10,30 alle 12,30.

 

Contestualmente all’iscrizione, sarà possibile sottoscrivere la petizione “salva l’Italia”.

   

         Altre informazioni si possono trovare collegandosi al sito WEB www.pdvaldarno.it
oppure inviando una e-mail a
sangiovanni@pdvaldarno.it.

 

TESSERAMENTO 2008-2009 E PETIZIONE "SALVA L'ITALIA"

Lettera invito del segretario Marini ai sangiovannesi aderenti al PD.

Carissimi/e,

            parte il tesseramento del Partito Democratico 2008/2009.

 

            Malgrado il negativo risultato elettorale conseguito a livello nazionale, che impone a tutti noi una attenta e severa analisi sui messaggi chiari che gli elettori si attendono da noi, arriva finalmente una nota di segno positivo, dalla buona riuscita della prima Festa Democratica di San Giovanni Valdarno, appena terminata.

 

            L’iscrizione rappresenta il primo momento concreto per dare un segnale di volontà verso la partecipazione attiva alla vita del Partito stesso.

            Iscriversi, infatti, non significa soltanto dare fiducia al progetto di costruzione di una grande forza riformista, ma partecipare in prima persona a realizzarlo con il contributo delle proprie idee, passioni e competenze.

 

            Se il Partito Democratico non saprà farsi interprete dei problemi che affliggono la società italiana, capirne le complessità e indicarne le soluzioni, avrà fallito il suo compito storico più importante. A tal proposito è necessario che gli uomini e le donne delle primarie, portino il proprio contributo nei rispettivi luoghi di lavoro e di studio, in ogni realtà sociale e nelle sue molteplici articolazioni, facendo sentire la propria voce ...,  quella del Partito Democratico.

            Solo dal territorio e nel territorio possono maturare le giuste risposte politiche, concrete ed in grado di diventare un giorno maggioritarie nel paese.

 

            Di seguito sono riportate tutte le indicazioni operative con le varie iniziative previste dai vari CIRCOLI.

            Si raccomanda inoltre di sottoscrivere la petizione nazionale “SALVA L’ITALIA”, alla quale sarà possibile aderire congiuntamente all’iscrizione.

 

            Vi aspettiamo per costruire insieme un partito aperto e autorevole, autonomo ma pronto all’ascolto, un partito riformista e democratico.

            E’ un progetto che chiede a tutti noi un impegno maggiore e per certi versi straordinario, ma sono convinto che la risposta non mancherà.

 

            L’iscrizioni al partito si svolgeranno secondo il seguente calendario:

 

-Sabato 20 Settembre presso il GAZEBO allestito sotto il loggiato di palazzo d'Arnolfo, dalle 10,30 alle 12,30, dove saranno presenti gli incaricati dei quattro circoli (n°1-Oltrarno, 2-P. alle Forche, 3-Bani e 4-Centro).

.


-Domenica 21 Settembre dalle 10 alle 12,30;

            I circoli n°1-Oltrarno e n°4-Centro (presso la sede di via Rosai).

            Il circolo n°2-P. alle Forche, presso il circolo ARCI di Ponte alle Forche.

            Il circolo n°3-Bani, presso il locale PD del Bani.

 

            Per gli appartenenti ad ogni circolo (n°1-Oltrarno, n°2-P. alle Forche, n°3-Bani e n°4-Centro), sarà possibile ritirare la tessera d’iscrizione al PD anche nelle settimane successive, presso la sede di via Rosai, nei seguenti orari;

 

-Il martedì  dalle 17,00 alle 19,00.

-Il venerdì  dalle 17,00 alle 19,00.
-Il sabato  dalle 10,30 alle 12,30.

 

 

Cordiali saluti


Cristiano Marini


Coordinatore Comunale del

Partito Democratico di San Giovanni Valdarno

 

sangiovanni@pdvaldarno.it         www.pdvaldarno.it

*****************************************

 

 

 

Coordinamento Comunale di S. Giovanni V.

 

 

 

San Giovanni Valdarno, 12 Settembre 2008

 

Ai membri di diritto:

-eletti nelle assemblee costituenti nazionale e regionale residenti nel comune di San Giovanni Valdarno

-Al Sindaco e Capogruppo comunale PD.

 

 

-Ai delegati di BASE e TERRITORIALI eletti nelle assemblee dei circoli di San Giovanni Valdarno.

 

 

 

Oggetto:     Convocazione assemblea di coordinamento del PD.

 

 

Carissimi/e,

 

                   il giorno giovedì 18 settembre c.m. alle ore 21,15 presso i locali della Casa del Popolo in via Alberti, si terrà l’assemblea in oggetto con il seguente O.d.G.:

 

                    1° -Campagna tesseramento 2008-2009.

 

                    2° -Campagna petizione “salva l’Italia”.

 

                    3° -Percorso di preparazione al rinnovo amministrativo.

 

 

         Vista l’importanza degli argomenti previsti all’O.d.G., sei vivamente invitato a partecipare portando il tuo contributo.

 

 

Il segretario comunale del PD

         Cristiano Marini

 

*****************************************

PROGRAMMA DELLA FESTA DEMOCRATICA:

LE FOTO DELLA FESTA DEMOCRATICA:

*****************************************

*****************************************

 

Coordinamento Comunale di S. Giovanni V.

 

  

COMUNICATO STAMPA

 

Il Partito Democratico di San Giovanni Valdarno in merito alla questione del dimensionamento

degli Istituti  Scolastici Superiori del Valdarno intende sottolineare quanto segue :

 

1)      Attivare una nuova politica democratica della scuola è uno dei punti fondamentali del programma presentato dal PD, in particolare occorre  realizzare un nuovo salto nell'autonomia degli Istituti scolastici, facendo leva sulle capacità manageriali dei loro dirigenti, all'interno di organi di governo aperti al contesto sociale e territoriale;

2)      occorre responsabilizzare gli insegnanti nel definire - nel quadro di regole generali di funzionamento del sistema e di indirizzi nazionali - gli specifici contenuti dell'insegnamento;

3)      rendere  effettiva la possibilità per i genitori di scegliere sul territorio la scuola cui iscrivere i figli e di partecipare consapevolmente alla sua gestione.

 

Da ciò emerge chiaro che la realizzazione di una scuola democratica è nelle mani non solo della dirigenza e del governo locale che devono lavorare insieme per dare un’offerta che traduca le esigenze sociali e territoriali in reali possibilità; ma in particolar modo è nelle mani degli insegnanti che possono o non possono fare una scuola di qualità, è nelle mani dei genitori e degli studenti che con le loro scelte possono dare una reale valutazione iscrivendosi ad un istituto invece che ad un altro.

 

Per questo non vogliamo cadere nella facile  tentazione (  di bassissimo profilo ) di leggere

le vicende dell’Istituto Magiotti  nell’ottica limitata del campanilismo o della contrapposizione politica priva di valore : per noi è essenziale che si abbia la capacità di offrire agli studenti di tutto il Valdarno (perché per le superiori il livello territoriale è di zona) una gamma di offerte formative adeguate alle richieste degli utenti da un lato e dal mondo del lavoro dall’altro.

 

.Le scuole superiori nel Valdarno stanno progressivamente subendo una re-definizione degli assetti dirigenziali e conseguenti accorpamenti, ovviamente, per quegli istituti che sono al di sotto dei cinquecento alunni, come previsto per legge : si tratta di un fenomeno complesso che però ha indubbiamente: spinto le scuole alla ricerca di nuove idee, ad aggiornarsi, a sperimentare, a garantire a genitori e alunni offerte formative valide da scegliere in base alle loro esigenze.

 

Per questo occorre partire da un coinvolgimento reale del mondo della Scuola e guardare alle esigenze formative  del Valdarno piuttosto che alle singole realtà scolastiche : siamo convinti che in tal modo le Istituzioni coinvolte , gli insegnanti , i genitori , gli studenti vedranno certamente meglio rappresentati i propri interessi. Difficile , infine , accettare lezioni da forze politiche che proprio sulla Scuola , tema essenziale per il futuro del Paese , stanno dimostrando giorno dopo giorno nell’azione di governo di portare avanti una politica miope ed irresponsabile.

 

San Giovanni Valdarno  26/07/2008

                                                                           

                                                                             L’ESECUTIVO DEL PD DI SAN GIOVANNI VALDARNO

  

 ***********************/*************************/************************

 

  [] Un appello per firmare........ 

Appello di cento costituzionalisti
"Fermate lodo e blocca processi"
 

Un gruppo di professori di diritto costituzionale e discipline equivalenti esprime "insuperabili perplessità" sui provvedimenti in materia di giustizia. E invita ad aderire al documento "In difesa della Costituzione"
FIRMA ANCHE TU: OLTRE 30.000 ADESIONI

 

L'APPELLO / Cento costituzionalisti contro il lodo Alfano
Una raccolta di firme in difesa della Costituzione
Lodo e processi rinviati
strappo all'uguaglianza

Cento costituzionalisti in campo contro il lodo-Alfano che sospende i processi delle quattro più alte cariche istituzionali e contro la norma blocca-processi. Il documento è intitolato "In difesa della Costituzione" ed è firmato da ordinari di diritto costituzionale e discipline equivalenti: tra essi gli ex presidenti della Consulta Valerio Onida, Gustavo Zagrebelsky e Leopoldo Elia. A coordinare la raccolta di firme è stato Alessandro Pace, presidente dell'Associazione italiana costituzionalisti.

I sottoscritti professori ordinari di diritto costituzionale e di discipline equivalenti, vivamente preoccupati per le recenti iniziative legislative intese: 1) a bloccare per un anno i procedimenti penali in corso per fatti commessi prima del 30 giugno 2002, con esclusione dei reati puniti con la pena della reclusione superiore a dieci anni; 2) a reintrodurre nel nostro ordinamento l'immunità temporanea per reati comuni commessi dal Presidente della Repubblica, dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dai Presidenti di Camera e Senato anche prima dell'assunzione della carica, già prevista dall'art. 1 comma 2 della legge n. 140 del 2003, dichiarato illegittimo dalla Corte costituzionale con la sentenza n. 24 del 2004, premesso che l'art. 1, comma 2 della Costituzione, nell'affermare che "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione", esclude che il popolo possa, col suo voto, rendere giudiziariamente immuni i titolari di cariche elettive e che questi, per il solo fatto di ricoprire cariche istituzionali, siano esentati dal doveroso rispetto della Carta costituzionale, rilevano, con riferimento alla legge di conversione del decreto legge n. 92 del 2008, che gli artt. 2 bis e 2 ter introdotti con emendamento a tale decreto, sollevano insuperabili perplessità di legittimità costituzionale perché: a) essendo del tutto estranei alla logica del cosiddetto decreto-sicurezza, difettano dei requisiti di straordinaria necessità ed urgenza richiesti dall'art. 77, comma 2 Cost. (Corte cost., sentenze n. 171 del 2007 e n. 128 del 2008); b) violano il principio della ragionevole durata dei processi (art. 111, comma 1 Cost., art. 6 Convenzione europea dei diritti dell'uomo); c) pregiudicano l'obbligatorietà dell'azione penale (art. 112 Cost.), in conseguenza della quale il legislatore non ha il potere di sospendere il corso dei processi, ma solo, e tutt'al più, di prevedere criteri - flessibili - cui gli uffici giudiziari debbano ispirarsi nella formazione dei ruoli d'udienza; d) la data del 30 giugno 2002 non presenta alcuna giustificazione obiettiva e razionale; e) non sussiste alcuna ragionevole giustificazione per una così generalizzata sospensione che, alla sua scadenza, produrrebbe ulteriori devastanti effetti di disfunzione della giustizia venendosi a sommare il carico dei processi sospesi a quello dei processi nel frattempo sopravvenuti; rilevano, con riferimento al cosiddetto lodo Alfano, che la sospensione temporanea ivi prevista, concernendo genericamente i reati comuni commessi dai titolari delle sopra indicate quattro alte cariche, viola, oltre alla ragionevole durata dei processi e all'obbligatorietà dell'azione penale, anche e soprattutto l'art. 3, comma 1 Cost., secondo il quale tutti i cittadini "sono eguali davanti alla legge".

Osservano, a tal proposito, che le vigenti deroghe a tale principio in favore di titolari di cariche istituzionali, tutte previste da norme di rango costituzionale o fondate su precisi obblighi costituzionali, riguardano sempre ed esclusivamente atti o fatti compiuti nell'esercizio delle proprie funzioni. Per contro, nel cosiddetto lodo Alfano la titolarità della carica istituzionale viene assunta non già come fondamento e limite dell'immunità "funzionale", bensì come mero pretesto per sospendere l'ordinario corso della giustizia con riferimento a reati "comuni".

Per ciò che attiene all'analogo art. 1, comma 2 della legge n. 140 del 2003, i sottoscritti rilevano che, nel dichiararne l'incostituzionalità con la citata sentenza n. 24 del 2004, la Corte costituzionale si limitò a constatare che la previsione legislativa in questione difettava di tanti requisiti e condizioni (tra cui la doverosa indicazione del presupposto - e cioè dei reati a cui l'immunità andrebbe applicata - e l'altrettanto doveroso pari trattamento dei ministri e dei parlamentari nell'ipotesi dell'immunità, rispettivamente, del Premier e dei Presidenti delle due Camere), tali da renderla inevitabilmente contrastante con i principi dello Stato di diritto.

Ma ciò la Corte fece senza con ciò pregiudicare la questione di fondo, qui sottolineata, della necessità che qualsiasi forma di prerogativa comportante deroghe al principio di eguale sottoposizione di tutti alla giurisdizione penale debba essere introdotta necessariamente ed esclusivamente con una legge costituzionale.

Infine, date le inesatte notizie diffuse al riguardo, i sottoscritti ritengono opportuno ricordare che l'immunità temporanea per reati comuni è prevista solo nelle Costituzioni greca, portoghese, israeliana e francese con riferimento però al solo Presidente della Repubblica, mentre analoga immunità non è prevista per il Presidente del Consiglio e per i Ministri in alcun ordinamento di democrazia parlamentare analogo al nostro, tanto meno nell'ordinamento spagnolo più volte evocato, ma sempre inesattamente.

(4 luglio 2008)

 

***********************/*************************/************************

 

 IL PD SANGIOVANNESE SUI PROBLEMI DELLA SANITA’ IN VALDARNO

 

            Lunedì 23 giugno 2008, i responsabili del settore SANITA’  del partito, si sono riuniti per una attenta valutazione del nuovo  P.A.L. (Piano Attuativo Locale) e sull’adeguatezza dei servizi sanitari che sarà in grado di garantire a “tutela” dei cittadini del Valdarno.

 

            Preso atto dell’insufficiente risposta sanitaria che l’ospedale valdarnese restituisce al “cittadino utente”, i responsabili del PD sangiovannese, intendono promuovere dei momenti di approfondimento sul tema a livello di vallata, per fare il punto della situazione ed individuare le giuste proposte, capaci di mettere in grado il MONOBLOCCO valdarnese, di svolgere i compiti per i quali è stato progettato e costruito.

 

            Pur riconfermando la piena fiducia da sempre riposta nella nostra struttura ospedaliera e in coloro che vi operano (personale medico e paramedico), si ritiene sia giunto il momento di mettere in atto una verifica sulla linea di politica sanitaria che gestisce la struttura, e l'idoneità dei progetti per il suo futuro, predisposti per il buon funzionamento della stessa.

 

***********************/*************************/************************

 

IL PD SANGIOVANNESE CONTINUA LA SERIE DI INIZIATIVE TEMATICHE

incontrando OPERATORI ed ESPERTI della SANITA’ valdarnese

San Giovanni Valdarno 12/06/2008

            Visto il momento di difficoltà in cui versa la SANITA’ della nostra zona, nell’ottica di migliorare un servizio pubblico di così fondamentale importanza per i cittadini, il PD sangiovannese ha promosso un incontro con gli operatori sanitari, per una approfondita analisi della situazione nel suo complesso.

            Oltre ai responsabili locali del partito, hanno partecipato al dibattito sul PAL (Piano Attuativo Locale) 2008-2010, esperti del settore che con le loro osservazioni hanno dato un importante contribuito allo svolgimento dei lavori.

            L’iniziativa verrà ripresa prima possibile, nella direzione di un più ampio coinvolgimento di sensibilità.

***********************/*************************/************************

 IL PD SANGIOVANNESE "SI METTE IN ASCOLTO E SI INTERROGA" SUI PROBLEMI DELLA SCUOLA

            Martedì 10 giugno 2008, presso i locali di Palazzo Corboli di San Giovanni Valdarno, il Coordinamento Comunale del P.D. di San Giovanni Valdarno, su iniziativa della RESPONSABILE del settore SCUOLA Cristina Ermini, ha incontrato gli operatori scolastici con lo scopo di interrogarsi ed elaborare nuove idee e soluzioni per la politica scolastica.

            Hanno partecipato all’iniziativa l’assessore provinciale all'istruzione Emanuela Caroti e l’assessore comunale alle politiche della cultura e dei servizi scolastici Emanuele Bani.

            Il partecipato dibattito ha messo in evidenza le varie problematiche che vanno dai servizi ai metodi didattici e si è poi concluso con un appuntamento fissato per dopo la sosta estiva, per continuare il confronto e stabilire le azioni da intraprendere.

 

            Martedì 11 giugno 2008 presso Palazzo Corboli di San Giovanni Valdarno, si è svolto il primo incontro con i docenti dei vari ordini di scuola, iscritti e simpatizzanti del PD.

             Oltre al segretario Cristiano Marini e alcuni membri dell’esecutivo, hanno preso parte all’iniziativa, l’assessore comunale per l’Università Chiara Cheti, L’assessore comunale all’Istruzione e Cultura Emanuele Bani, l’assessore provinciale all’Istruzione e Cultura Emanuela Caroti.

            La finalità principale dell’incontro era quella di individuare le problematiche scolastiche più sentite ma anche per raccogliere indicazioni e proposte per una fruttuosa collaborazione alla crescita e al potenziamento del PD.

 

            Oggi tutti riconoscono che l’educazione, l’università e la ricerca hanno un ruolo fondamentale per la crescita culturale, economica dell’intero sistema paese, ma per il momento in Italia rimane prevalentemente un bello slogan pubblicitario, in quanto solo a parole la scuola è messa al centro, ma con i fatti rimane ancora ai margini. Lo dimostrano i continui tagli che subisce costantemente, esempi concreti: l’aumento degli alunni per classe (33), la presenza di più alunni disabili all’interno di una sola classe, di solito numerosa, le poche risorse economiche assegnate agli istituti.

            Il governo insediatosi ha subito valorizzato, a parole, l’importanza dell’educazione, ma già dal programma elettorale si è notato una certa superficialità e uno sbilanciamento nei confronti della scuola privata, una preoccupante propensione nel voler trasformare le scuole in fondazioni e una pericolosa idea di voler fare assumere i docenti direttamente dai capi d’istituto con aumenti di stipendio in base al “merito”.

            Chi opera nella scuola aspetta, con una certa ansia, le decisioni del neoministro. Decisioni che non sappiamo se avranno una certa continuità con gli interventi effettuati dal ministro Fioroni oppure se tutto sarà azzerato, per il momento, le parole sembrano andare nella direzione della continuità, ma i nodi da sciogliere per la Gelmini sono tanti, vediamone alcuni:

Ø      La riforma Moratti sarà ripristinata totalmente nella scuola superiore o si rinuncerà al liceo economico e tecnologico aboliti da Fioroni?

Ø      L’istruzione e la formazione professionale saranno trasferiti alle regioni (come prevede il titolo V della Costituzione) o si lasceranno allo stato come stabilito dalla legge 40 del 2007?

Ø      L’obbligo scolastico rimarrà a 16 anni oppure sarà consentito ai quattordicenni di scegliere la formazione professionale?

Ø      I recuperi rimarranno così come stabilito da Fioroni o si tornerà come prima?

Ø      Nella scuola dell’infanzia e primaria vi sarà un totale ripristino della legge Moratti, (probabile) o si passerà alla trasformazione in legge del Curricolo Fioroni (poco probabile)?

            A Palazzo Corboli la discussione è stata viva e interessante, oltre ai temi sopra affrontati, sono emersi obiettivi che richiedono approfondimento e la possibilità di confrontarci ancora in modo più sistematico, poiché, il confronto e lo scambio, tra chi ogni giorno lavora tra i banchi e non ha bisogno che altri gli descrivano ciò che accade, non potrà che essere d’importanza irrinunciabile per la futura azione politica che il PD dovrà affrontare.

 1) Potenziare il collegamento tra gli Istituti superiori e le varie Agenzie del territorio, in particolare quelle economiche.

 2) Prestare attenzione ad una razionalizzazione efficace delle scuole

 3) valorizzare la continuità didattica fra i diversi gradi di scuola, dalla media all’università.

 4) Valorizzare il rapporto con le famiglie, individuando strategie per un coinvolgimento attivo dei genitori nell’itinerario scolastico dei figli.

 5) Collaborare per individuare criteri e i giusti strumenti, per valutare obiettivamente il livello qualitativo e di merito, sia degli istituti scolastici che degli insegnanti.

 6) Valorizzare, facilitare e motivare l’aggiornamento e la ricerca nella scuola.

 7) Individuare forme per rendere più efficace la formazione dei futuri insegnanti non solo per l’aspetto disciplinare, ma in particolare per l’aspetto metodologico e didattico.

 8) Individuare criteri validi e obiettivi per il reclutamento di chi opera nella scuola (insegnanti, personale ATA, capi d’istituto).

             Da questa prima riflessione invito le persone interessate a partecipare ai prossimi incontri, a rendersi disponibili per far parte della “Commissione istruzione e cultura” e inviarmi via e mail riflessioni e suggerimenti.

 Grazie per la Vostra disponibilità.

 Cristina Ermini

 ***********************/*************************/************************

 

23 MAGGIO 1992

ore 17:58

 

GIOVANNI FALCONE, FRANCESCA MORVILLO, VITO SCHIFANI, ROCCO DI CILLO, ANTONIO MONTINARO

 visualizza, clicca qui

 

ASCOLTA, CLICCA QUI

 

***********************/*************************/************************

 

 

 Riceviamo e volentieri pubblichiamo:
Cari amici, vi invio alcune riflessioni sul momento politico.
saluti a tutti
Emanuele Bani
 
 Cari amici, per usare una frase conosciuta : ABBIAMO FATTO LE ELEZIONI, ORA FACCIAMO IL PARTITO DEMOCRATICO.

Questo è l’impegno che abbiamo davanti e sul quale siamo chiamati tutti a riflettere.

Diamo per scontato che attacchi personali, rimbalzi di responsabilità, guerre di palazzo non debbano essere nel DNA del nuovo partito, ma una analisi seria, attenta, anche impietosa, è necessaria per guardare avanti e dare un futuro a questa bella esperienza che è il Partito Democratico.

Desidero fare una premessa : in questi casi le responsabilità sono sempre ben distribuite. È necessario quindi battere il mea culpa prima di evidenziare difetti altrui.

Se in molte province ci sono stati errori di gestione, non ne è estraneo chi non ha impedito che questi venissero commessi, in Toscana come in Italia.

 

L’analisi deve avere un duplice fine :

1)    non ricommettere gli stessi errori

2)     radicare il PD nel territorio come una bella piantina che, grazie alle solide basi, riesca a crescere forte e robusta.

 

Non un partito fotocopia

C’è chi ha detto che la cultura dell’apparire (dagli attori ai registi, dai calciatori alle ragazze bellocce, dai collaboratori personali ai figli degli amici) era già molto presente nella proposta Berlusconiana (insieme al liberismo, alla lotta alla immigrazione, alla promessa di meno tasse ecc.) e che l’elettore è sempre portato a premiare l’originale rispetto alla controfigura.

Abbiamo visto anche un PD che lasciava la democrazia solo alle primarie per Prodi ed a quelle per l’elezione del segretario nazionale, ma che poi si strutturava come un partito centralista dove sembrano prevalere abitudini da funzionari di partito più che da rappresentanti delle nuove istanze della società.

Al congresso del PD aretino in un intervento fu detto :”cerchiamo qualcuno giovane e laureato”.

Di deficienti con la laurea purtroppo ce ne sono molti ed anche di giovani con queste caratteristiche.

La politica deve ricercare il contributo delle migliori qualità che la società esprime, la selezione deve essere fatta solo con il metro del merito e delle capacità (che deve essere trasversale : con donne, giovani, meno giovani ed anche più vecchiotti).

Ai giovani la politica deve dare l’idea di corrispondere alle loro aspettative di miglioramento della società, di valori da riaffermare, di rappresentanza democratica (quindi anche con i giovani dentro il processo politico).

 

Con i metodi inaugurati, rischiamo di creare un partito dove la struttura locale debba essere solo funzionale ad attaccare i manifesti e a nominare i rappresentanti di lista; escludendola rigidamente da qualsiasi tipo di consultazione sui candidati (a parte la beffa messa in piedi a pochi giorni dalla chiusura delle liste). Non è questo il PD per il quale si sono mobilitati milioni di persone.

 

Buon risultato della Toscana

Nonostante tutto la Toscana ha avuto un bel risultato. Per dire la verità più che la TOSCANA credo che il buon risultato vi sia stato nei tanti Comuni ben amministrati della Toscana, dove il rapporto con l’elettorato è forte e partecipato; dove si è costruito un partito nuovo senza sommare le vecchie sigle, ma tenendo conto delle differenze culturali che vi confluivano e trovando la sintesi in positivo.

 

Cito per tutti il mio Comune, San Giovanni Valdarno, con quasi il 55 % sia alla camera che al Senato (un risultato non facile in un Comune con più di 15.000 abitanti) dove una moltitudine di uomini, donne, giovani ha creduto nella proposta politica e si è impegnato nella campagna elettorale.

 

Aumentare voti da una percentuale bassa è facile, aumentarli quando si oltrepassa il 50 % richiede una proposta condivisa ed apprezzata dall’elettorato.

Non credo che l’elettore toscano abbia avuto come riferimento scelte difficili e lungimiranti della Regione; di queste infatti sentiamo la mancanza.

 

PD Toscano e bretella Incisa - valico

Il PD Toscano, reo in passato di aver concordato con Forza Italia l’aumento del numero dei consiglieri ed una legge elettorale chiamata la “porcata toscana”, non brilla di iniziativa politica, l’unica proposta innovativa in campo di infrastrutture è stata espressa in questi giorni dal Presidente della Provincia di Firenze Renzi che ha spezzato una lancia in favore della bretella autostradale da Incisa al valico (unica possibilità di evitare il tratto Fi Nord – Fi Sud, diventato una circonvallazione di Firenze).

Su questa proposta però mi pare sia sceso il gelo di tutto l’apparato fiorentino.

 

Il nuovo PD

Adesso ci si accorge che i candidati devono essere individuati con le primarie. Speriamo non siano le solite lacrime di coccodrillo e che anche la prossima volta venga inventato qualche pretesto tipo “la mancanza di tempo” per decidere tutto in pochi intimi.

 

Nuove forme di governo partecipato dei livelli provinciali devono essere quanto prima individuate rilanciando un rapporto stretto con il popolo delle primarie e con quanti sentono il bisogno di dare il proprio contributo nella costruzione della forma del nuovo partito.

 

Un grande partito che basa la sua proposta sul ragionamento e la democrazia, non ha bisogno di un condottiero solitario.

Tutte le istanze culturali del nuovo partito devono avere una sede dove portare il proprio contributo per arricchire la proposta complessiva.

La vita interna del partito deve essere democraticamente partecipata.

Organi collegiali devono controllare l’operato degli organi gestionali.

I meccanismi fondamentali della democrazia non possono essere aboliti.

 

Le migliori energie, che sono un importante riferimento per l’elettorato del centrosinistra, credo debbono impegnarsi (insieme a Veltroni) a costruire il PD del futuro.

Detto fuori dai denti : L’On. Rosy BINDI confinata ad una vicepresidenza della Camera dei deputati non aiuta certo il decollo del partito.

 

Una battuta su CALDEROLI

Bene ha fatto il Ministro degli Esteri Massimo D’Alema a far presente alla Libia la inopportunità della uscita di Gheddafi Junior sulla composizione del governo italiano; bisognerebbe che qualcun altro facesse presente anche al Cavaliere la inopportunità di nominare uno come Calderoli Ministro della Repubblica.

 

 

**********   **********

OSSERVAZIONE DEI RISULTATI ELETTORALI: 

 

Comuni con più di 15000 abitanti

Raffronti Comuni Province 2008

Senato Valdarno

Camera valdarno

**********   **********

RISULTATI  ELEZIONI POLITICHE 2008 COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO

SENATO       CAMERA

RIASSUNTIVO CAMERA/SENATO 2006/08
 

**********   **********

Cena presso il salone ACLI del 09-04-09

*************************************************************************************************************

Bandinelli Marcucci 09-04-09

Mercoledì 9 Aprile
ore 18.30

sala consiliare di Palazzo D’Arnolfo a San Giovanni V.

Cristina Bandinelli

(imprenditrice e membro della segreteria regionale del PD, responsabile settori; piccola e media impresa / artigianato / commercio / industria).

e

Andrea Marcucci

(imprenditore e candidato al SENATO nelle liste del PD)

interverranno sul tema:

“la crisi economica e l’impresa nel
mercato globale
 

Tutti i cittadini sono invitati a partecipare

************************************************************************************************************

Della Monica 07-04-08

Lunedì 07 Aprile

sala consiliare di Palazzo D’Arnolfo a San Giovanni V.

ore 21.00

Dott. Silvia Della Monica

 candidata al SENATO nelle liste del PD

 interverrà sul tema:

“LEGALITA’

e

 SICUREZZA”

introdurrà

Mauro Tarchi
Tutti i cittadini sono invitati a partecipare.

*************************************************************************************************************

Musica in piazza 06-04-08

*************************************************************************************************************

Circoli aperti 05-04-08

*************************************************************************************************************

Luciano Modica e Daniele Pampaloni 01-04-08

Martedì 1 Aprile ore 17.00

sala consiliare di Palazzo D’Arnolfo a San Giovanni V.

 

Prof. Luciano Modica

(Candidato al Senato nelle liste del PD)

e

Prof.ssa Daniela Pampaloni

(responsabile regionale Istruzione del PD)

 interverranno sul tema:

“la ricerca,

la scuola,

 il futuro del Paese
Tutti i cittadini sono invitati a partecipare

*************************************************************************************************************

Circoli aperti 29-03-08

*************************************************************************************************************

Causin Passoni

Mercoledì 26 marzo

sala consiliare di Palazzo D’Arnolfo a San Giovanni V.

ore 18.00

Andrea Causin

 membro dell’Esecutivo Nazionale del PD

(Responsabile Enti Locali)

e

Achille Passoni
Già Segretario Confederale della CGIL, candidato al SENATO nelle liste del PD

 

interverranno sul tema:
 “il lavoro,

la sicurezza


 

Tutti i cittadini sono invitati a partecipare

*************************************************************************************************************

 

*************************************************************************************************************


Coordinamento Comunale di S. Giovanni V.

 Sabato 22 marzo

ore 10.30

loggiato di Palazzo D’Arnolfo a San Giovanni V.

On.Rosy Bindi
(candidata alla Camera dei Deputati nelle liste del PD in Toscana e Veneto)

incontra i cittadini sui temi:

“la LAICITA’ della POLITICA,

la FAMIGLIA”

Tutti i cittadini sono invitati a partecipare

 ***********************************************************************


 

 

Coordinamento Comunale di S. Giovanni V.

Sabato 15 marzo

ore 11.00

loggiato di Palazzo D’Arnolfo a San Giovanni V.

 Donella Mattesini
Vicesindaco di Arezzo

 (candidata alla Camera dei Deputati nelle liste del PD)

 interverrà sul tema:

 “welfare state”

il ruolo del volontariato

 Tutti i cittadini sono invitati a partecipare

 

 

San Giovanni Valdarno venerdì 7 marzo, sala consiliare di Palazzo D’Arnolfo

On. Luciano Violante


 

 
 

  
Coordinamento Comunale di S. Giovanni Valdarno
Venerdì 7 marzo ore 18.00

 sala consiliare di Palazzo D’Arnolfo a San Giovanni Valdarno

 APERTURA
 DELLA
CAMPAGNA ELETTORALE
 

 con la presentazione del libro:



 UNCORRECT
10 passi per evitare il fallimento del Partito Democratico

 

 

ne parlano:

l’autore, On. Luciano Violante

 

il coordinatore provinciale del PD Marco Meacci

 

Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

 

 

 

     San Giovanni Valdarno, 21 gennaio 2008

 

 

Agli aderenti al PD dei circoli di San Giovanni Valdarno.

 

Oggetto:     Convocazione assemblea dei CIRCOLI di BASE del PD, con il seguente O.d.G.

     1° -Predisposizione rosa di candidature espressione del territorio, di aree sociali e culturali che esprimano la novità rappresentata dal PD, nonché del pluralismo interno.

.

                    2° -Comunicazioni del segretario.

 

 Carissimi/e,

 

nel rispetto dei termini richiesti dal dispositivo nazionale (ricevuto oggi), comunico la convocazione dell’assemblea in oggetto, per il giorno 24 febbraio 2008 alle ore 10,00 presso la SALA DELLA MUSICA in Piazza della Libertà.

 

 

Il segretario comunale del PD

         Cristiano Marini

 ***************************************************************************************


            I delegati comunali e provinciali del Partito Democratico di San Giovanni Valdarno, riuniti in assemblea il 7 febbraio 2008, hanno eletto coordinatrici dei quattro circoli:
 

CIRCOLO “BANI”                                        Laura Pasquini

CIRCOLO “OLTRARNO”                            Cristina Ermini

CIRCOLO “CENTRO”                                  Stefania Segoni

CIRCOLO “PONTE alle FORCHE “             Annalisa Testa

 

            I delegati comunali rappresentanti dei quattro circoli, hanno terminato la loro assise politica eleggendo (all’unanimità) segretario comunale del PD sangiovannese Cristiano Marini.

            Hanno presieduto l'assemblea il sindaco della città Mauro Tarchi e il coordinatore provinciale del PD Marco Meacci.

***************************************************************************************************************

 

San Giovanni Valdarno 27 gennaio 2008 

Riportiamo i nominativi dei delegati al PROVINCIALE e al COMUNALE

 di diritto ed eletti, (questi ultimi in ordine cronologico del suo inserimento in lista).
 

 

 

 

Provinciale

 

Membri di diritto (voto deliberativo)

1

Tarchi Mauro

2

Pasqui Lucia

3

Bani Emanuele

4

 (Coordinatore.Com.)

 

Sala della Musica 4

1

Viligiardi Maurizio

2

Tarchi Cristina

3

Nosi Giovanni

4

Inghilesi Mirella

 

Circolo Arci Bani 4

1

Magi Patrizio

2

Vichi Pamela

3

Cardinale Giovanni

4

Sarchi Lia

 

Ponte alle Forche 1

1

Segoni Romeo

 

Circolo Bocciofila Oltrarno 2

1

Failli Vienna

2

Nardi Giuseppe

 

 

 

 

 

 

 

Comunale

 

Membri di diritto (voto deliberativo)

1

Tarchi Mauro

2

Pasqui Lucia

3

Bani Emanuele

4

Cuccoli Fabrizio

5

Francalanci Filippo

 

Membri di diritto (voto consultivo)

6

Masselli Daniele

7

Marziali Alberto

8

Bandini Marco

9

Verniani Francesco

10

Franchi Fabio

11

Billi Giacomo

12

Giardini Rino

13

Crociani Giovanni

14

Cheti Chiara

15

Frosali Andrea

16

Segoni Fabrizio

 

Sala della Musica 15

1

Meacci Lorenzo

2

Pieraccini Francesca

3

Bani Carlo

4

Pieri Cinzia

5

Bizzarri Giacomo

6

Alushaj Brisida

7

Michele Magri

8

Martini Michela

9

Fausto Forte

10

Artini Valentina

11

Carbini Imperio

12

Prima Rosaria

13

Travaglini Roberto

14

Segoni Stefania

15

Romoli Andrea

 

Circolo Arci Bani 17

1

Failli Alessandra

2

Bizzarri Aldo

3

Pasquini Laura

4

Brunetti Piero

5

Bani Beatrice

6

Canestri David

7

Mori Claudia

8

Vichi Maurilio

9

Bondi Tiziana

10

Noferi Gianfranco

11

Lelli Beatrice

12

Serviti Filippo

13

Bernacchioni Valentina

14

Pellegrini Massimo

15

Bartoli Alice

16

Ferrini Attilio

17

Pieralli Claudia

18

Resti Romano

 

Circolo Arci Ponte alle Forche 4

1

Billi Sauro

2

Testa Annalisa

3

Marini Cristiano

4

Borchi Chiara

 

Circolo Bocciofila Oltrarno 7

1

Ermini Enzo

2

Pasquini Stefania

3

Mulinacci Lorenzo

4

Girolami Roberta

5

Coppi Roberto

6

Ermini Cristina

7

Borri Claudio



Vista la graduatoria numerica "pura" dei risultati scaturita dalla consultazione, come da regolamento, è stata reinserita una donna (prima non eletta) ai fini del bilanciamento di genere UOMO/DONNA, portando così da 43 a 44 il numero totale dei delegati al COMUNALE eletti.

 

 


 Coordinamento di base
San Giovanni Valdarno

Nella foto possiamo riconoscere il presidente dell'assemblea costituente il PD sangiovannese Mauro Tarchi (al centro) e i quattro presidenti di saggio:
Fabrizio Cuccoli, David Canestri, Cristiano Marini e Francesco Verniani.

 

            Venerdì 25 gennaio 2008 alle ore 21,00 presso il CINEMA TEATRO MASACCIO di San Giovanni Valdarno, si è svolta l’assemblea cittadina del PD.

 

            Ha coordinato i lavori il presidente dell’assemblea costituente il PD sangiovannese e sindaco della città Mauro Tarchi.

 

            Dopo l’introduzione politica di Tarchi, che ha commentato anche la difficile crisi nazionale, che sta mettendo in grave difficoltà l’intero paese, si è aperto un interessante e partecipato dibattito fra i molti cittadini intervenuti.

 

            Alla scadenza dei termini previsti dal regolamento, sono stati pubblicati i nominativi dei cittadini che si sono resi disponibili a collaborare attivamente nella costruzione del PD.

 

            Dette consultazioni eleggeranno 11 (undici) delegati PROVINCIALI e 43 (quarantatre) delegati COMUNALI (riparttiti proporzionalmente nei quattro circoli).

 

            Nei prossimi giorni i delegati eletti al COMUNALE si riuniranno per eleggere, al loro interno, un rappresentante per ogni circolo e un unico COORDINATORE COMUNALE, mentre delegati eletti al PROVINCIALE, eleggeranno il coordinatore provinciale del PD.

 

            Nel corso dell’assemblea è stato approvato un ORDINE DEL GIORNO che prevede di inserire come delegati COMUNALI di diritto, oltre quelli previsti dall’art. 6, se non candidati;

 

·        I Consiglieri Provinciali eletti a San Giovanni Valdarno aderenti al gruppo consiliare del Partito Democratico;

·        I Consiglieri Comunali eletti a San Giovanni Valdarno aderenti al Partito Democratico ;

·        Gli Assessori Comunali di San Giovanni Valdarno che dichiarano di aderire al Partito Democratico .

************************************************************************************************************

 

S. Giovanni V.no, 15 gennaio 2008             

-         Ai votanti alle primarie del Pd del 14 ottobre

-         Ai Fondatori del Partito Democratico

 

 

Oggetto: convocazione dell’Assemblea del Circolo di base del Pd

 

Caro/cara,

dopo le primarie del 14 ottobre siamo collettivamente impegnati a costruire il nuovo partito in ogni comune, quartiere e frazione della Toscana. Per fare ciò è indispensabile il contributo di tutti voi. Come deciso a livello regionale, entro il 31 gennaio saranno convocate le Assemblee di ogni Circolo di base per discutere di come creare il partito in ogni realtà e per eleggere gli organismi di livello comunale e provinciale.

 

La tua Assemblea del Comune di San Giovanni Valdarno si svolgerà venerdì 25 gennaio presso il Cinema Teatro Masaccio in via G. Borsi a San Giovanni Valdarno con il seguente ordine dei lavori:

 

Venerdì  25

-         ore 21.00 inizio dei lavori, insediamento dei Presidenti e dei Seggi elettorali

-         ore 21.15 inizio della discussione

-         ore 22.00 scadenza del termine per la presentazione delle autocandidature a delegato comunale e/o provinciale

-         ore 22.30 apertura del seggio elettorale

-         ore 24.00 chiusura del seggio elettorale e della discussione

 

Sabato 26

-         apertura dei seggi elettorali ore 10.00 – 12,00 chiusura dei seggi elettorali

-         apertura dei seggi elettorali ore 15.00 – 18,00 chiusura dei seggi elettorali

 

Domenica 27

-         apertura dei seggi elettorali ore 10.00 – 12,00 chiusura dei seggi elettorali, scrutinio e proclamazione degli eletti

 

Ogni cittadino si recherà a votare, in questi orari, presso il seggio elettorale di riferimento territoriale (quello in cui ha votato il 14 ottobre 2007), Circolo ARCI Bani, Sala della Musica, Bocciofila Oltrarno e Circolo ARCI Ponte alle Forche.

 

Ai lavori della Assemblee possono partecipare tutti i cittadini con diritto di parola.

 

Il diritto di voto è riservato a coloro che hanno ritirato il Certificato di Fondatore del Pd, per il ritiro del quale sarà accettato un contributo VOLONTARIO da dedicare al finanziamento delle spese dell’attività politica.

Per coloro che hanno votato alle primarie, il Certificato può essere ritirato anche durante l’Assemblea; chi non ha votato alle primarie può ritirare il Certificato entro il giorno precedente all’Assemblea presso l’Ufficio tecnico-amministrativo provinciale del Pd sito in P.za S. Agostino ad Arezzo, contattabile telefonicamente al numero 3331077119 oppure via e-mail info@pdarezzo.net.

 

Per candidarsi è possibile rivolgersi all’Utap negli orari e nelle forme descritte sopra entro il giorno precedente all’Assemblea oppure entro la prima ora di svolgimento dell’Assemblea.

 

A chi intende votare saranno consegnate due schede: una per la elezione dei membri dell’Assemblea comunale, l’altra per la Assemblea provinciale. In entrambe, per votare basterà scrivere negli spazi appositi il nome di un uomo e il nome di una donna presi dalla lista dei candidati che sarà affissa nei locali della Assemblea e in prossimità del seggio elettorale.

 

Con questo passaggio costruiamo il Pd sul territorio, nuovamente attraverso il protagonismo dei cittadini elettori dell’Ulivo: un obiettivo importante realizzabile con il tuo contributo concreto.

 

Per ogni informazione puoi contattare il numero 3477326495-3286142606 oppure visitare il sito www.pdvaldarno.it nello spazio riservato a San Giovanni Valdarno.

 

Un caro saluto,

 Coordinatore territoriale provvisorio del Pd Marco Meacci

*************************************************************************************************************


Documento approvato dal comitato costituente del PD sangiovannese.

 

    Le riforme istituzionali ed elettorali


     La nuova sfida del PD

    La nascita del Partito democratico rappresenta la vera novità della politica italiana e ci impegna in una stagione certo difficile,
    com’è costruire un nuovo grande partito riformista, ma al tempo stesso ci consegna una grande opportunità: definire i valori,
    le regole, i progetti per questo nostro Paese.

    Ci impone di ripensare  i bisogni e le aspettative  utili agli italiani.

    Uno dei punti essenziali di tale percorso è fare dell’Italia un paese “normale” riscrivendo gli strumenti stessi della nostra democrazia.


    In tal senso riteniamo importante sostenere percorsi di riforma istituzionale ed elettorale che:


    a)   superino l’attuale bicameralismo perfetto con una camera delle autonomie locali, una sola camera legislativa e la riduzione
          del numero dei parlamentari.

   b)   impediscano il proliferare di gruppi politici parlamentari in contrasto con le scelte elettorali di riferimento.

   c)   definiscano un sistema elettorale che non costringa ad alleanze utili al solo fine della vittoria, ma non chiare nei progetti per
    il Paese, dove le alleanze prendano forza e concretezza davanti al corpo elettorale e non nelle successive aule parlamentari.

    ..… sollecitare una riforma delle istituzioni regionali che:


        1)   consenta di superare le liste bloccate, fare delle primarie la norma che attiene alla scelta dei propri rappresentanti e diminuire il numero dei consiglieri regionali;

        2)   disponga un riordino dei servizi pubblici ricollocando la titolarità della programmazione e controllo alle istituzioni democraticamente elette, superando forme di governo affidato ad inutili enti, in modo da garantire una migliore qualità del servizio (dalla sanità, ai rifiuti, alle acque…).


        I democratici ritengono tali percorsi utili e necessari a costruire un paese “normale”



                Comitato costituente il PD sangiovannese.